Prima Pagina>Politica>Papa: «Muri e paura non sono una soluzione alle migrazioni»
Politica

Papa: «Muri e paura non sono una soluzione alle migrazioni»

Le migrazioni rappresentano «un fenomeno che non troverà mai una soluzione nella costruzione di barriere, nella diffusione della paura dell’altro o nella negazione di assistenza a quanti aspirano a un legittimo miglioramento per se stessi e per le loro famiglie». Papa Francesco parla a Rabat nel primo discorso del viaggio di due giorni in Marocco, una tappa importante nel suo itinerario nel mondo musulmano.

GUARDA IL VIDEO: «In Marocco come pellegrino di pace, mondo ne ha bisogno»

Nel volo da Roma alla capitale marocchina al Papa viene chiesta un’opinione sul convegno di Verona sulle famiglie, fonte di forte polemica politica e di divisioni anche nel mondo cattolico vista la forte impronta conservatrice dell’evento, cui ha partecipato anche il vescovo della città veneta (ma che non ha avuto alcun patrocinio della Cei). «Ho letto la risposta del segretario di Stato sul convegno di Verona e mi è sembrata equilibrata», ha detto Francesco, sottolineando di essere d’accordo con quanto affermato una settimana dal cardinale Parolin, il quale aveva detto: «La sostanza è corretta, il metodo è sbagliato».

Messaggio a Mattarella: ricercare soluzioni ispirate alla solidarietà
Per tornare sulle migrazioni, nel suo discorso davanti al re Mohammed VI il Papa ha detto: «Sappiamo anche che il consolidamento di una vera pace passa attraverso la ricerca della giustizia sociale, indispensabile per correggere gli squilibri economici e i disordini politici che sono sempre stati fattori principali di tensione e di minaccia per l’intera umanità». Sul tema dell’accoglienza va letto anche il messaggio al presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella diffuso come da prassi al momento del decollo da Fiumicino: «Mi è caro rivolgere a Lei signor Presidente e alla Nazione italiana il mio cordiale saluto che accompagno con fervidi auspici affinché l’Italia possa tenere sempre alta la tensione verso i valori etici e spirituali della persona e della convivenza sociale, ricercando, con sforzo concorde, soluzioni ispirate alla solidarietà».

«Opporre al fondamentalismo la solidarietà dei credenti»
Poi un passaggio nel discorso dedicato al tema del fondamentalismo: «Sono lieto di poter visitare tra l’Istituto Mohammed VI per imam, predicatori e predicatrici, voluto da Vostra Maestà, allo scopo di fornire una formazione adeguata e sana contro tutte le forme di estremismo, che portano spesso alla violenza e al terrorismo e che, in ogni caso, costituiscono un’offesa alla religione e a Dio stesso. Sappiamo infatti quanto sia necessaria una preparazione appropriata delle future guide religiose, se vogliamo ravvivare il vero senso religioso nei cuori delle nuove generazioni». E ancora: «È indispensabile opporre al fanatismo e al fondamentalismo la solidarietà di tutti i credenti, avendo come riferimenti inestimabili del nostro agire i valori che ci sono comuni».

© Riproduzione riservata

Argomenti:

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2019-03-30/papa-muri-e-paura-non-sono-soluzione-migrazioni-155917.shtml?uuid=ABkCJVjB

Rispondi