Prima Pagina>Politica>Piaccia o non piaccia, Di Maio e Salvini sono stati applauditi ai funerali delle vittime di Genova
Politica

Piaccia o non piaccia, Di Maio e Salvini sono stati applauditi ai funerali delle vittime di Genova

Mentre Martina e Pinotti sono stati fischiati. Questa è cronaca e basta. Ma nel PD c’è chi nega la realtà: la soave Serracchiani, che in Friuli tutti ricordano per il suo impegno come governatrice regionale, fa la solita sparata rabbiosetta

 “Di Maio e Salvini hanno dato il peggio di loro stessi, sono stati la più meschina incarnazione delle istituzioni. Hanno cavalcato una tragedia come fosse uno show, hanno usato i funerali di Stato come set per farsi selfie [chi ha visto la diretta ha potuto notare come Salvini sia stato praticamente costretto dalla parente di una delle vittime a posare per il selfie: cosa doveva fare, darle una gomitata nello stomaco e spostarsi a testa alta nel settore autorità, come avrebbe fatto Renzi?] e girare spot elettorali, hanno gettato in pasto ai media annunci a effetto che non si realizzeranno mai, hanno tirato fuori una manciata di milioni e tra due giorni Genova sarà sola. Pronti per un’altra emergenza tv [sì, come quella che il suo capo “senatore semplice” sta preparando sulla civiltà fiorentina]”.

Lo afferma a occhioni sgranati la deputata del Pd Debora Serracchiani: “chiamo la Lega alle sue responsabilità”, [cioè del PD, che ha governato per cinque lunghi anni così proficui per l’Italia e per gli italiani e così esemplari per la manutenzione dei ponti autostradali?] sul fronte delle opere infrastrutturali e quindi anche sulla tragedia del ponte di Genova”. 
   “La Lega è il partito più vecchio seduto in Parlamento [gli altri stanno tutti rispettosamente in piedi, soprattutto quando parla lei]” ricorda provvidenzialmente Serracchiani, che in fatto di storia la sa lunga “e ha governato questo Paese per molti anni in combutta con Berlusconi e con tutti i ministri delle Infrastrutture [anche col sant’uomo Del Rio, Messa tutte le domeniche e fors’anche il sabato? Questa è nuova, forse s’incontrava con Salvini facendo la fila al confessionale] . Salvini ha cambiato compare [evidentemente parla sempre dei ministri del PD] e adesso è in affari con il M5s ma la sostanza non cambia. Ed è farsesco il sottosegretario Rixi quando getta la colpa sui ‘passati governi’ [e non sul presente, diamine, che in un paio di mesi ne ha fatte più di Bertoldo]”. “C’è un ministro M5s che solo poche settimane fa andava in Commissione – aggiunge la parlamentare dem – a dire che la Gronda era inutile, e che ora si fa dare la linea dal suo sottosegretario leghista. E pazienza se quella era la linea del governo di centrosinistra, che aveva previsto oltre 4 miliardi a carico di Autostrade. Perché a Di Maio e Salvini non importa fare, ma trovare scuse per non fare e indicare colpevoli a casaccio, dal Pd all’Europa. Ma finché avremo voce – conclude Serracchiani – denunceremo il loro complotto contro l’Italia”.

Ecco, sgolatevi pure, se i risultati di dichiarazioni surreali come questa sono gli applausi per Di Maio e Salvini io rivedrei per un attimo le strategie di opposizione e manderei i geni che la incarnano a provare a fare un lavoro serio, finalmente.

Sotto: foto Il Fatto Quotidiano

Rispondi