Prima Pagina>Politica>Quei gran bufalari dei grillini hanno spacciato per vera una finta delegazione di oppositori di Maduro
Politica

Quei gran bufalari dei grillini hanno spacciato per vera una finta delegazione di oppositori di Maduro

«Il Tavolo di dialogo, instaurato dopo altri tentativi di mediazione non andati a buon fine, rivendica alcuni risultati politici concreti tra cui la liberazione di alcuni prigionieri considerati “politici”», continua la fonte pro Cinque Stelle. «Segundo Meléndez, presidente del Movimento al socialismo (Mas), ha detto che il Paese ha la sfortuna di “aver avuto il peggior governo e la peggiore opposizione”. Come i suoi colleghi, tutti membri del parlamento controllato dalle opposizioni, Melendez ha sottolineato che in Venezuela “esistono due e non una sola opposizione”, quella resa visibile dai “media internazionali”, cioè quella che fa capo a Juan Guaidó e si sottrae al dialogo con il Governo e gli altri partiti di opposizione, e che, ha denunciato, “non ci permette di esprimere il nostro punto di vista”».

Fonti dell’opposizione la mettono in quest’altro modo: «Questa delegazione, che ha come interlocutore il senatore Petrocelli, ha voluto dare a intendere di essere rappresentante del dialogo in Venezuela e che ci sono negoziati in corso. Il problema di fondo è che tra gli attori implicati ci sono Bertucci, gente di partiti nuovi e fuori dall’opposizione come Cambiemos, e il Mas e Avazada Progresista». Che dal Mud, la Tavola dell’Unità Democratica, sono usciti. «In effetti loro dicono di rappresentare l’Assemblea Nazionale senza i partiti che rappresentano il 90% dei seggi dell’opposizone: Vp, Pj, Ad. Unt, Vente Venezuela tra gli altri». «Erano stati respinti dal Parlamento Europeo e dalla Spagna. Nonostante l’appoggio del Movimento Cinque Stelle, si sono scontrati con la ferrea opposizione di altri membri della Commissione, che hanno evidenziato la loro scarsa rappresentatività».

In realtà, varie fonti assicurano che trattative sotto banco tra i rappresentanti di Guaidó e di Maduro starebbero continuando. Ma il Tavolo Nazionale è chiaramente una opzione alternativa che Maduro si riserva per poter eventualmente convocare nuove elezioni senza garanzia con una facciata pluralista. Una recita con cui i Cinque Stelle collaborano.

Pier Ferdinando Casini, intato, stava a Caracas, dove all’ambasciata italiana si è incontrato con De Grazia e la Magallanes. Casini ha visto sia Guaidó sia Maduro. Via Instagram, Casini ha diffuso l’immagine con Guaidó; Maduro quella con Casini. Anche Maria Corina Machado, leader del partito Vente Venezuela appena insignita con il Prize for Freedom dell’Internazionale Liberale, ha parlato di “riunione molto produttiva”. Tanto che grazie a Casini i due parlamentari sono riusciti a volare in Italia, dove sono stati ricevuti dal presidente Mattarella.

https://www.linkiesta.it/it/article/2019/12/02/cinque-stelle-finta-opposizione-maduro/44582/

Rispondi