Prima Pagina>Politica>Regionali, possibili accordi Pd-M5s: tra desistenze e candidati civici
Politica

Regionali, possibili accordi Pd-M5s: tra desistenze e candidati civici

in Umbria al voto il 27 ottobre

Il primo stress test per il governo giallorosso sarà il voto anticipato in Umbria il 27 ottobre prossimo. Dal momento che la presentazione dei candidati va fatta un mese prima, ci sono solo 15 giorni per trovare un accordo tra Pd e M5s per tentare di fermare la candidata del centro-destra Donatella Tesei, senatrice della Lega

di Emilia Patta

13 settembre 2019


default onloading pic

2′ di lettura

Mentre la partita dei sottosegretari si è appena chiusa dopo un lungo braccio di ferro, i due neo alleati di governo sembrano già dividersi sulla prospettiva di estendere l’alleanza a livello locale: con il Pd che apre e il M5s che frena ma non chiude del tutto. «Il tema delle alleanze alle regionali non è all’ordine del giorno. Ci sono temi importanti da affrontare a provvedimenti da realizzare in tempi celeri a favore dei cittadini. Rimaniamo concentrati sulle cose concrete come il taglio dei parlamentari e l’abbassamento delle tasse», è la risposta pentastellata alla proposta del Pd.

Proposta venuta in primis dal ministro Dario Franceschini con un’intervista a Repubblica («subito alleanza con il M5s alle regionali, è difficile ma dobbiamo provarci per battere questa destra pericolosa»), e poi rilanciata dallo stesso segretario. «L’idea di Franceschini è corretta – è il ragionamento di Nicola Zingaretti -. Bisogna rispettare le realtà locali, ma se governiamo su un programma chiaro l’Italia perché non provare anche nelle Regioni ad aprire un processo per rinnovare e cambiare?».

LEGGI ANCHE / Le ombre di Renzi e Di Maio sul governo Conte bis

Il tema c’è, soprattutto guardando al test più importante, quello dell’Emilia Romagna al voto a gennaio. Ma forse la tempistica è poco azzeccata, considerando che il governo Conte 2 deve ancora davvero partire. Tanta fretta da parte di un politico accorto come Franceschini ha tuttavia una spiegazione: il primo stress test per il governo giallorosso sarà il voto anticipato in Umbria il 27 ottobre prossimo, e dal momento che la presentazione dei candidati va fatta un mese prima il conto è presto fatto. Ci sono solo 15 giorni per trovare un accordo tra Pd e M5s per tentare di fermare la candidata del centro-destra Donatella Tesei, senatrice della Lega, spinta da un Matteo Salvini che già sta battendo il territorio palmo a palmo.

LEGGI ANCHE / L’Umbria non aggancia la ripresa. Scarsi investimenti e innovazione

https://www.ilsole24ore.com/art/regionali-possibili-accordi-pd-m5s-desistenze-e-candidati-civici-ACUcz3j

Rispondi