Prima Pagina>Politica>Serve un governo per la crescita, non un arrocco sterile contro Salvini
Politica

Serve un governo per la crescita, non un arrocco sterile contro Salvini

La scommessa che molti fanno, in ambienti PD, è che il M5S sia un esercito in rotta, una massa di fantasmi più interessati alla poltrona fino all’ultimo giorno di legislatura che a tenere fede all’agenda di Casaleggio. Ma già la tangente ideologica che Di Maio e sodali chiedono ai nuovi possibili compagni di viaggio (il taglio dei parlamentari sic et sempliciter, senza un serio ridisegno dell’architettura costituzionale) mostra il rischio della scommessa PD: Il M5S accetta il governo con il PD per rilegittimarsi e divorarlo, non per farsi divorare.

L’esito delle opposte ambizioni è il rischio della palude, della paralisi o del mezzo e mezzo: mezzo salario minimo e mezzo no, un tagliando al reddito di cittadinanza ma teniamocelo così, un po’ di deficit e qualche detrazione fiscale in meno per finanziare il blocco dell’Iva. Di tutto un po’, cioè niente, perché è impossibile fare sintesi tra Sibilia e Padoan, tra Taverna e Gentiloni, tra Paragone e Cuperlo. Un semplice arrocco, difensivo e confuso, non solo non danneggerà Salvini, ma lo aiuterà (fin dalle prossime elezioni regionali) e radicalizzerà le sue posizioni.

Eppure l’Italia – con la sua crescita zero, la natalità stagnante, il deficit infrastrutturale, la deindustrializzazione, le esigenze di innovazione economica e di modernizzazione sociale, le emergenze ambientali e il governo dei fenomeni migratori – ha bisogno di ricette coraggiose e lungimiranti, non di soluzioni omeopatiche né di propaganda a buon mercato. Le ricette che servono all’Italia riguardano essenzialmente due esigenze: uno, rendere l’Italia nuovamente attraente per gli investitori del pianeta, perché si riprenda a generare impresa e lavoro; due, rendere sostenibili gli equilibri finanziari, sociali, demografici e ambientali del Paese. Esigenze difficilmente conciliabili con la visione ostile al lavoro, all’industria e agli investimenti che il M5S ha mostrato fin dalla sua nascita.

In questo scenario a tinte fosche, quale può essere il ruolo dei liberali e degli europeisti? Quello di non accettare compromessi al ribasso.
Non possiamo unirci acriticamente a un governo purchessia, più interessato alla durata della legislatura in quanto tale che ad aggredire i mali dell’economia e della società italiana. Il nostro ruolo dovrà essere quello di chi proporrà idee e proposte concrete, criticherà l’immobilismo e offrirà un’alternativa. Un’alternativa costruttiva e possibile, un’opzione futura per quando (si spera) la politica italiana ritroverà una fisiologia e supererà la stagione del becero populismo che ha contagiato tanti.

https://www.linkiesta.it/it/article/2019/08/14/governo-pd-cinque-stelle-salvini/43218/

Rispondi