Prima Pagina>Politica>Times, Giorgia Meloni fra i 20 personaggi che potrebbero “plasmare” il mondo
Politica

Times, Giorgia Meloni fra i 20 personaggi che potrebbero “plasmare” il mondo

unica italiana in classifica

Il quotidiano inglese ha inserito la leader di Fdi nella classifica dei nomi che alla fine dell’anno potrebbero diventare familiari

di Nicoletta Cottone

Advertisements

2 gennaio 2020


«Io sono Giorgia»: (anche) la Meloni canta il “suo” tormentone virale

2′ di lettura

Il quotidiano inglese “The Times” ha inserito la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni fra i 20 personaggi che potrebbero “plasmare” il mondo. Nell’articolo “In ascesa: venti volti che potrebbero plasmare il mondo nel 2020”, il quotidiano inglese scommette su 20 personaggi emergenti che potrebbero cambiare il

Advertisements
futuro del mondo. Unica italiana è Giorgia Meloni. «Alcuni – spiega il quotidiano – pianificano da anni un debutto sulla scena mondiale, altri sono stati coinvolti nell’attualità. In ogni caso, entro la fine dell’anno, potrebbero essere tutti nomi familiari».

La motivazione del quotidiano britannico
«Quando il video-parodia del discorso di Giorgia Meloni è diventato virale, in novembre, è nata una stella», scrive il quotidiano britannico, facendo riferimento al video in cui Giorgia Meloni ripete dal palco del comizio di San Giovanni, a Roma: «Io sono Giorgia. Sono una donna, Sono una madre. Sono Cristiana». E mentre chi lo ha creato aveva un intento ironico, la sua crescente legione di sostenitori lo ha adottato come inno. Risultato «il partito Fratelli d’Italia oggi è al 10%, superando il 4.4% ottenuto alle elezioni del 2018 e sottrando voti alla Lega di Matteo Salvini». A dispetto della sua età la Meloni, classe 1977, è una veterana della politica: deputata in 4 legislature e ministra per la Gioventù del governo Berlusconi fra il 2008 e il 2011.

Chi sono gli altri “nominati” che potranno cambiare il mondo
Apre la classifica di “The Times”, pieno di volti del panorama mondiale, Valérie Pécresse, la presidente della regione Île-de-France, seguita da Christopher Luxon, nazionalista neozelandese ed ex amministratore delegato di Air New Zealand. Ci sono anche l’attivista Jimmy Sham, portavoce della protesta dei giovani di Hong Kong e David Hogg, attivista americano per il controllo dell’uso delle armi. C’è poi la principessa Leonor di Spagna, accanto a Markus Söder, presidente della Baviera e leader della Unione Cristiano-Sociale.

E il turco Ali Babacan, l’economista tedesca Isabel Schnabel. l’attivista ceco Mikuláš Minář, l’attrice Florence Pugh, il generale iraniano Qasem Soleimani. E David Adedeji Adeleke, noto come Davido, cantautore e produttore nigeriano. C’è Gideoon Saar, il politico israeliano che ha sfidato Netanyauh e Yury Dud, giornalista sportivo russo che gestisce anche il canale YouTube vDud, dove intervista personaggi famosi. Poi Shinjirō Koizumi, il più giovane membro di gabinetto giapponese, Amit Shah, ministro indiano degli Affari interni.

Fdi: ennesima dimostrazione della soliditàò del suo progetto
«L’ennesima dimostrazione della solidità del suo progetto – commenta il capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera Francesco Lollobrigida – volto alla ricostruzione di un’area conservatrice e sovranista realmente autorevole e credibile, capace di rappresentare l’unica vera alternativa alle sinistre e ai populismi italiani. In Italia già da tempo Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia stanno catalizzando sempre più consenso, finalmente anche sul piano internazionale si sta comprendendo la serietà e la coerenza del nostro percorso».

https://www.ilsole24ore.com/art/times-giorgia-meloni-i-20-personaggi-che-potrebbero-plasmare-mondo-ACXoWT9

Rispondi