Prima Pagina>Economia>Vitalizi: “Che bello leggere che Pomicino si lamenta” dice Di Maio…
Economia Politica

Vitalizi: “Che bello leggere che Pomicino si lamenta” dice Di Maio…

“…e mai più a rimorchio di Bruxelles”. E’ vero che il taglio ai vitalizi consentirà un risparmio “relativo”, cioè 40 milioni l’anno, ma è importante dimostrare ai cittadini un cambio di rotta mai realizzato: niente più “intoccabili”

“Mai più a rimorchio di Bruxelles. Avremo bisogno di margini di bilancio e li otterremo: l’austerity deve finire”. A ribadirlo, intervistato da ‘La Verità’ è il vice premier Luigi Di Maio che sulle pensioni insiste: “taglieremo quelle regalate sopra i 4 mila euro”. Così come sul reddito di cittadinanza: “Ci deve essere. Lo facciamo per aiutare le persone a trovare lavoro. Non le vogliamo pagare perché restino sul divano a non fare nulla” e il primo passo per creare lavoro sarà sbloccare il codice degli appalti perché oggi “ci sono 10 miliardi di investimenti, già stanziati, in pancia agli enti pubblici”. “Quello che si è visto sull’immigrazione – spiega a proposito dei rapporti con la Ue – è solo l’antipasto di quello che vedranno sul piano economico. Il cambio è totale. Prima vengono le persone, poi gli indici. E se serve li terremo inchiodati alle 4 di notte per ottenere ciò che è necessario a cambiare questo Paese”. Infine sui tagli ai vitalizi: “Che bello leggere di Pomicino che si lamenta…, facciano la class action, facciano quello che vogliono. E’ gente che non ha credibilita’. Fra il 9 e il 15 luglio” il provvedimento “verrà approvato. Mi aspetto che la Casellati al Senato segua l’esempio. In fondo siamo nella stessa maggioranza”.

Fonte: AGI

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *