Prima Pagina>Professioni>Assilea, cambiamento e ripartenza post Covid-19 
Professioni

Assilea, cambiamento e ripartenza post Covid-19 

Assilea, cambiamento e ripartenza post Covid-19

Cambiamento e ripartenza post Covid-19. Questi i temi al centro della teleconferenza di oggi dell’assemblea annuale Assilea, Associazione degli operatori del lease, in cui è stata presentata l’edizione 2020 del rapporto statistico annuale ‘To lease’ che esce dagli uffici e incontra le società di leasing, le imprese, le istituzioni, le

Advertisements
università, autorevoli centri studi ed esperti e fra gli altri contributi di rilievo, fra cui quello curato dall’Ufficio studi economici di Cerved.

Advertisements

Con 27,9 miliardi di euro di finanziato, leasing e noleggio a lungo termine consolidano nel 2019 la dinamica degli scorsi anni, seppur su volumi meno importanti. Alla fine dello scorso anno si è assistito a una progressione, trainata dal leasing operativo (nello strumentale sfiora il 54% dei contratti) e dal noleggio a lungo termine.

E’ aumentato dell’8% il numero di imprese che nel 2019 hanno fatto ricorso al leasing. È cresciuto il leasing ai settori dell’agricoltura, energy e utilities, delle costruzioni. Si osservano progressioni importanti anche nel leasing alla distribuzione, nell’elettrotecnica e informatica, nell’informazione e intrattenimento. In sensibile aumento il numero dei contratti destinati al settore della gestione dei porti.

Un capitolo importante riguarda l’analisi Assilea, svolta in collaborazione con BeBeez.it, sui crediti deteriorati lordi nei portafogli delle società di leasing, che nel 2019 si sono ridotti di quasi il 25%, scendendo a quota 14,5 miliardi di euro dai 19,3 miliardi di fine 2018. Le sofferenze sono scese a 9,4 miliardi da 12,9 miliardi.

Il primo trimestre del 2020 porta i segni del lockdown con un deciso -19,4% nel valore dello stipulato e un ancor più marcato -22,7% nel numero dei contratti. Nel solo mese di marzo lo stipulato è crollato del 57%.

Il comparto auto segna complessivamente un -22% in valore e -26% in numero, dovuto principalmente al collasso delle immatricolazioni di nuove unità registrato a marzo. L’emergenza sanitaria colpisce duramente il mercato autovetture in leasing (-29%) e i veicoli commerciali (-25,4% quelli in leasing, -31,8% quelli in nlt), ma non risparmia i veicoli pesanti (-15,4%). Il comparto beni strumentali (-11,1%) mostra – sia nel leasing finanziario, sia nel leasing operativo – una flessione diffusa in tutte le fasce d’importo, a eccezione dei contratti di importo superiore a 2,5 milioni di euro dello strumentale finanziario.

Nel leasing immobiliare, si registra il tonfo del mercato ‘costruito’ (-35,6%), mentre il comparto ‘da costruire’ rallenta a ritmi meno importanti (-17,1%), in particolare per quelli di importo fino a 500mila euro (-2,9%). Non sfugge all’impatto determinato dalla chiusura delle imprese il comparto della nautica (-22%).

Il 40% dei finanziamenti leasing è destinato a imprese con una forte propensione all’export il 26% dei contratti è diretto a imprese con alta capacità innovativa. La redditività delle imprese che fanno ricorso al leasing è mediamente più elevata della media.

“Il quadro generale – commenta il presidente di Assilea, Enrico Duranti – conferma ampiamente il ruolo insostituibile che leasing e noleggio a lungo termine possono avere nella ripartenza del Paese. Finanziamo la spina dorsale della produzione, come dimostrano gli investimenti che vedono al primo posto macchine utensili per l’asportazione e la deformazione di materiale metalmeccanico, seguiti dia macchinari per l’industria agricola, alimentare e conserviera, quelli per la produzione e lavorazione della plastica e della gomma, elettromedicale (+17,9% in valore), industria del legno e dell’arredamento, industria tessile”.

In base poi a una simulazione sui bilanci delle imprese svolta dalla Bdcr Assilea con Cerved, nei prossimi mesi il numero di lessee che potrebbero non disporre della liquidità necessaria per proseguire l’attività supererebbe le 16mila unità. Si tratta di circa il 30% delle 60mila società di capitale analizzate che hanno fatto ricorso al leasing. Contemporaneamente le percentuali di quelle solvibili possono scendere al di sotto del 30%.

“Considerato il peso quantitativo e qualitativo che il mondo del lease dà all’impresa italiana, soprattutto nella spinta verso la sostenibilità, l’innovazione, e la digitalizzazione, questo è un dato che il Governo deve assolutamente tenere presente”, osserva il presidente di Assilea, Enrico Duranti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.

Rispondi