Prima Pagina>Professioni>Coronavirus: Manageritalia, maggior impegno è stato parlare con dipendenti e rassicurarli  
Professioni

Coronavirus: Manageritalia, maggior impegno è stato parlare con dipendenti e rassicurarli  

Coronavirus, Manageritalia: 'Maggior impegno è stato parlare con dipendenti e rassicurarli'

(Fotogramma)

Advertisements

L’attività che ha richiesto maggior impegno all’inizio della crisi per i manager? Parlare con i collaboratori per rassicurarli e spiegare le misure adottate dall’azienda. Lo indica, infatti, il 69,1% dei manager e a seguire c’è la gestione della riorganizzazione

Advertisements
del lavoro, le attività in presenza o a distanza dei collaboratori (63,8%). Questi i risultati di un’indagine, affidata da Manageritalia e dal Centro Formazione Management del Terziario (Cfmt) ad AstraRicerche, alla quale hanno risposto via web, a fine marzo e poi nella seconda metà aprile, oltre 1.000 manager di altrettante aziende, un campione rappresentativo delle aziende del terziario che hanno dirigenti.

Anche grazie a questa rassicurazione, la reazione dei lavoratori italiani all’emergenza sanitaria, trasformatasi quasi subito in emergenza anche sul lavoro, è stata più che buona. A detta dei manager infatti, nelle due rilevazioni di fine marzo e metà aprile, la reazione dei lavoratori alle misure adottate dall’azienda, espressa con un voto da 1 pessima reazione a 10 ottima reazione, merita in media quasi un 8 (voto 7,55 nella prima rilevazione e 7,8 nella seconda). Anche la reazione alle notizie relative al coronavirus è positiva e sopra la sufficienza (voto 6,5 e 6,6, con 10 ottima reazione). Quindi il livello di paura dei lavoratori risulta abbastanza contenuto (voto 6,1 e 6,6, con 1 per nulla impauriti e 10 molto impauriti).

“A riprova del fatto che imprese, imprenditori e manager devono – dice Guido Carella, presidente Manageritalia – trovare sempre più cittadinanza se il Paese vuole crescere, dall’indagine emerge una forte valorizzazione del ruolo che aziende e dirigenti hanno avuto e hanno nel mettere in sicurezza, in tutti i sensi i collaboratori”.

“E naturalmente questo avviene, certo anche nelle aziende familiari -avverte Carella- ma in quelle con una valida gestione manageriale è supportato, oltre che da umanità e impegno, da un metodo. Bisognerà tenerne conto nella ripresa e certo anche risolvere le ancora troppo ampie zone grigie della sicurezza sul lavoro, che con il diffondersi delle nuove tecnologie, dello smartworking e di diversi modi e tempi del lavoro amplia il suo campo di opportunità, ma anche di minacce”.

Tutto questo è stato possibile per il velocissimo passaggio, da un giorno all’altro, a far lavorare da casa un’importante fascia della forza lavoro. Il telelavoro, adottato per tutelare la salute dei lavoratori e favorito da una maggiore flessibilità normativa, è stato infatti adottato da tantissime aziende (84%), anche se non per tutti i lavoratori. In molti casi (38%) ha riguardato anche persone che non lo avevano mai fatto prima. Solo nel 16% delle aziende non lo si è potuto fare, anche solo parzialmente. E tantissimi sono i manager che intravedono, una volta finita la crisi, l’opportunità di ampliarlo passando a un vero smart working foriero, dicono, di vantaggi per il benessere delle persone (87%) e la produttività delle aziende (69%).

L’indagine ci dice poi che gli intervistati hanno un vissuto profondo e vero di questa crisi, seppure variegato per settore, business e livello di operatività della loro azienda. In particolare, i manager le cui aziende oggi sono aperte con tutte le attività in smart working (40%), aperte parzialmente con attività svolta parte in sede e parte in smart working (28%), aperte o quasi continuando le attività core (17%), chiuse o quasi con attività core business ferme (15%). E tutti i manager sono sul “campo di battaglia”: anche nel caso di aziende chiuse, stanno lavorando come e spesso più di prima.

La crisi, riportano i manager, ha insegnato che i lavoratori sono più vicini e affezionati alle aziende di quanto si pensi (42%) e che le aziende sono più resilienti di quanto si dica (39%). Insomma, questa crisi è stata uno stravolgimento di tante, troppe certezze, sfumate dalla sera alla mattina, ma non ha trovato i manager impreparati: nel 61% dei casi erano pronti ad affrontare una sfida come quella posta dall’emergenza coronavirus. E, oggi più che mai si sentono punto di riferimento per il team (88%), e di poter dare il meglio in situazioni così difficili (82%) e più apprezzati dai collaboratori rispetto a prima della crisi (53%).

Importante, in un frangente come questo, essere e fare il coach e quindi tenere i team motivati. I manager italiani lo stanno facendo con tecnologia e umanità: contatto personale (76%), riunioni a distanza del team (69%), contatti personali via email, istant messaging (47%), maggiore disponibilità all’ascolto anche di problemi personali (38%), comunicazioni differenti dal passato per modi, approcci e canali (24%), utilizzo di intranet per comunicare e interagire (22%).

“Per noi e la nostra formazione – dice Pietro Luigi Giacomon, presidente del Centro Formazione Management del Terziario (Cfmt) – c’è una forte conferma del valore della formazione e dello scambio culturale tra manager per apprendere e sviluppare best practice e modelli. È anche grazie alla formazione se i manager hanno saputo gestire al meglio questa situazione estremamente complessa e difficilmente prevedibile. L’aver garantito e potenziato un vasto programma di formazione online durante il lockdown è stato, come confermano le elevatissime partecipazioni, un modo per integrare e ‘upgradare’ la capacità di reagire e gestire dei manager”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.

Rispondi