Prima Pagina>Professioni>Lavoro: Fondazione Cariplo, 12 marzo evento su categorie fragili  
Professioni

Lavoro: Fondazione Cariplo, 12 marzo evento su categorie fragili  

DATI
Fondazione Cariplo, 12 marzo a Milano evento su lavoro e categorie fragili

Il tema del lavoro per le categorie fragili è al centro dell’appuntamento ‘Incontri di lavoro’ in programma il 12 marzo, a partire dalle 14, alla Triennale di Milano, organizzato da Fondazione Cariplo. L’appuntamento, si legge in una nota, “offrirà l’occasione al presidente Giuseppe Guzzetti, in chiusura di mandato, di tracciare un bilancio dell’impegno della Fondazione a sostegno dell’occupazione di persone in difficoltà certificata: Fondazione Cariplo impegna ogni anno circa il 33% delle proprie erogazioni (54 milioni di euro), in progetti dedicati all’area Servizi alla persona: un ambito storico di intervento è quello dell’inserimento lavorativo”. “Tra le numerose attività legate al sociale, è da sempre impegnata -spiega ancora la nota- nella promozione di bandi per il sostegno di progetti mirati a creare opportunità occupazionali per persone in condizioni di svantaggio. Fino a oggi ha sostenuto 350 progetti per circa 40 milioni di euro. Negli ultimi dieci anni, questi bandi hanno consentito la realizzazione di opportunità lavorative per oltre 2.500 persone, di cui più di 1.500 in condizioni di svantaggio certificato”.

“Sul finire del mio mandato come presidente, ho l’occasione di tracciare un bilancio delle attività che abbiamo svolto in questi anni. Il tema dell’occupazione soprattutto per le categorie più fragili è sempre stato tra le nostre priorità e i dati e le esperienze che ci hanno portato fino ad oggi dimostrano l’importanza nell’aver sostenuto progetti che mettevano al centro persone che con il lavoro hanno trovato inclusione e riscatto”, dice il presidente di Fondazione Cariplo, Giuseppe Guzzetti.

Fondazione Cariplo si è fatta diretta promotrice di iniziative sperimentali, come il progetto Lavoro&Psiche (2008-2013) per l’inserimento lavorativo di persone con gravi disturbi psichici a cui ha destinato 3 milioni di euro e il progetto Neetwork (attivo dal 2015), che si rivolge a giovani che non studiano e non lavorano con un basso livello di scolarizzazione e che sono ‘in panchina’ da tempo col rischio di rimanervi. Nel 2017 è stato lanciato il progetto ‘Talenti Inauditi’ in collaborazione con Cariplo Factory, per la riprogettazione professionale di adulti fuori dal mercato del lavoro e dal 2018 è attivo il bando Coltivare Valore per promuovere iniziative di agricoltura sociale abbinate ad attività di inserimento lavorativo per persone fragili. All’interno del programma ‘Welfare di comunità’ la metà dei progetti in corso intervengono sulla vulnerabilità e in particolare sull’asse lavoro, sperimentando nuove modalità di intervento, come i ‘Patti Generattivi’ del progetto ‘Fare Legami’ del cremasco che sarà tra le esperienze che verranno presentate il 12 marzo in Triennale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.

Rispondi