Prima Pagina>Professioni>Per i Millennials il futuro è nei pagamenti digitali, addio al portafogli  
Professioni

Per i Millennials il futuro è nei pagamenti digitali, addio al portafogli  

ECONOMIA<!– ECONOMIA –>


Per i Millennials il futuro è nei pagamenti digitali, addio al portafogli

Addio contanti e portafogli, sguardo sempre più verso carte e servizi di pagamento digitali. E’ la tendenza che emerge tra i ‘millennials’, ovvero la generazione di chi è nato tra il 1980 ed il 2000. Tra carte prepagate e di credito, easy payments e tanti altri servizi innovativi su smartphone e smart watch, infatti, le nuove generazioni sono sempre più a proprio agio con le modalità di pagamento digitali che stanno mandando in soffitta assegni e portafogli.

“); } else { document.write(“”); }

Secondo la recente ricerca, ‘I millennials europei e il rapporto con i sistemi di pagamento: dal contante alle nuove app’, realizzata da Reply, infatti, i millennials si aspettano che i nuovi strumenti di pagamento vengano proposti dalle banche. Più del 50% del campione prevede un calo dell’utilizzo del contante con un corrispondente aumento dell’uso di carte di pagamento e di paypal.








E quando ai Millennials viene chiesto di indicare quali strumenti di pagamento sono a loro disposizione, risulta che il tradizionale conto corrente sia in assoluto lo strumento utilizzato dalla percentuale più alta (quasi il 90%). Sorprende però l’elevata diffusione di PayPal, che è a disposizione del 77% del campione, dimostrando di fatto di essere diventato uno strumento ‘di massa’.

Ma cosa spinge i millennials a puntare su strumenti di pagamento digitali? Per questa generazione di utenti la sicurezza è il fattore più determinante nella scelta dell’adozione di un nuovo strumento di pagamento, seguita da semplicità, economicità, controllabilità della spesa e, in misura minore, usabilità universale (in tutti i casi d’uso). La fruibilità da smartphone è invece ritenuta poco importante, con meno del 40% del campione che la ritiene molto rilevante.

“); } else { document.write(“”); }

Rispondi