(ANSA) – VIBO VALENTIA, 15 OTT – “Malgrado le minacce le violenze che ho subito, ho deciso di fare il mio dovere, che è quello di raccontare. Ho perso la libertà fisica, ma non quella di pensiero. Il nostro ruolo è fare in modo che nessuno possa dire ‘io non lo sapevo'”. Il giornalista Paolo Borrometi, sotto scorta dal 2014 per le minacce subite, si é raccontato a Vibo Valentia nel corso della prima giornata del festival “Leggere&Scrivere”.
    “Seguo l’esempio del giornalista de L’Ora Giovanni Spampinato, che venne trucidato a Ragusa nel 1972 ma che nessuno oggi ricorda”, ha aggiunto Borrometi, intervistato dal condirettore di LacTv, Pietro Comito.
    “Qui in Calabria – ha detto ancora – ci sono bravi colleghi.
    Penso a Michele Albanese, che vive anche lui sotto scorta per avere fatto il suo dovere. Due anni dopo l’uccisione a Malta di Daphne Galizia, non possiamo far finta di non vedere. Ma c’è un modo per lottare contro la mafia: fare squadra. La mafia è violenza, ma l’isolamento è responsabilità di tutti noi”.
   

http://www.ansa.it/calabria/notizie/2019/10/15/giornalistiborrometi-faccio-mio-dovere_85c9e304-73a3-4476-ba26-fed40b0caac6.html

Rispondi