Prima Pagina>Economia>CrediFriuli: con 8,5 milioni di euro di utile, il migliore risultato di sempre
Economia Friuli Venezia Giulia

CrediFriuli: con 8,5 milioni di euro di utile, il migliore risultato di sempre

La raccolta globale è pari a 1,3 miliardi di euro, gli impieghi raggiungono i 775 milioni. Crescono le masse amministrate (2 miliardi di euro) e i conti correnti (oltre 30.000). Rinnovato il CdA
Quello del 2018, per CrediFriuli, con un utile pari a oltre 8,5 milioni di euro (+38,2 per cento sul 2017), è stato il miglior risultato della sua storia. Un bilancio fortemente in crescita, recentemente
approvato dall’Assemblea dei soci, tenutasi presso Udine e Gorizia Fiere, a Torreano di Martignacco.

«Per CrediFriuli, dunque, l’anno appena trascorso è stato assai positivo per tanti aspetti a cominciare dai conti – evidenzia Sartoretti – con i quali ci siamo presentati allo storico passaggio dell’integrazione nel Gruppo Bancario Iccrea (la prima banca locale del Paese), con l’intento di continuare a fare ancora meglio quello che abbiamo sempre fatto: soddisfare con qualità i bisogni
finanziari, assicurativi e previdenziali dei nostri soci e svolgere un ruolo di riferimento economico- finanziario e mutualistico-sociale sul territorio friulano».

Una vocazione, quella mutualistica, testimoniata dalla sostenuta e importante crescita vissuta dalla compagine sociale che, a fine 2018 ha superato i 9.300 soci (con un incremento, dal 2010 a oggi, di oltre il 120 per cento) e dal costante sostegno dedicato alle comunità locali, con oltre 406.000 euro destinati, nell’anno, a favore di parrocchie, enti e associazioni impegnate sul territorio.
«Continuiamo a ricevere risposte molto confortanti, da imprese e risparmiatori, che testimoniano l’apprezzamento per la risorsa principale della banca, rappresentata dai suoi 173 collaboratori –
spiega il direttore generale, Gilberto Noacco – e che ci ha fatto superare quota 30.000, come numero di conti correnti, con 1.400 nuovi clienti (+5 per cento) solamente nell’ultimo anno».

«La strategia della banca, confermata, è quella vincente degli ultimi anni – sottolinea ancora Sartoretti – che ci ha portato al raggiungimento di un’elevata copertura del credito deteriorato e al
rafforzamento del patrimonio che, oggi, sfiora i 127 milioni di euro, a testimonianza del fatto che siamo una banca solida e sana, che si colloca ai più alti livelli su scala nazionale per la misura degli
accantonamenti sui crediti deteriorati (60,53 per cento), come di assoluta garanzia è il valore registrato dal CET1, che ha raggiunto il 21,33 per cento».

Il bilancio evidenzia anche una raccolta globale superiore a 1,31 miliardi di euro, con la raccolta diretta, che ha superato gli 878 milioni di euro e la raccolta indiretta che si attesta a 435 milioni di
euro. Segno più anche davanti alla cifra delle masse amministrate che superano i 2 miliardi di euro (+3,7 per cento) con gli impieghi alla clientela che salgono a 775 milioni di euro (+3,5 per cento) e mutui casa erogati alle famiglie per 65 milioni di euro. Dal lato assicurativo risultano collocate 20.598 polizze (+23,06 per cento), con un portafoglio complessivo che si attesta a 104,7 milioni di
euro.

La rete sportellare, al 31 dicembre 2018, era costituita da 32 succursali, tra le quali si sono aggiunte, nell’esercizio appena conclusosi, le nuove aperture di Manzano e Portogruaro, che hanno consentito l’ampliamento della zona di competenza in altri 8 Comuni. Durante i lavori assembleari, i soci hanno provveduto pure al rinnovo del Consiglio di
amministrazione che ora risulta così formato: Angelino Cattarossi, Lorenzo Contin, Edgardo Fattor, Stefano Fruttarolo, Gian Franco Panizzo, Marina Pittini, Laura Rigonat, Luciano Sartoretti e
Romano Sebastianutto.

Confermato il Collegio Sindacale con Franco Tracogna (presidente), Cesare Salvador e Franco Zentilin (Sindaci effettivi) e Gabriele Pecile ed Elena Ribis (Sindaci supplenti). Infine, un momento speciale è stato dedicato ai 12 soci che festeggiano i 50 anni di appartenenza alla compagine cooperativa, nonché ai giovani, con la premiazione di 61 tra soci e figli di soci, che si sono contraddistinti per merito nel conseguimento del diploma di maturità o della laurea.

di  AdF