Prima Pagina>Regioni>Lazio>I genitori di Camilla nominano un perito. ‘Falso gioco del semaforo’
Lazio

I genitori di Camilla nominano un perito. ‘Falso gioco del semaforo’

“Stiamo svolgendo, compatibilmente con i nostri poteri e nei limiti consentiti, nostre indagini difensive agli esclusivi fini dell’accertamento pieno della verità. Abbiamo anche contattato uno dei periti italiani più prestigiosi nella ricostruzione scientifica degli eventi complessi e drammatici, al fine di avere, quando sarà possibile, una ricostruzione, appunto, scientifica dell’incidente”. Lo annuncia l’avvocato Cesare Piraino legale dei genitori di Camilla Romagnoli, una delle due 16enni travolte e uccise

Advertisements
a Roma dopo essere state investite in Corso Francia.

“Teniamo a dire – puntualizza Piraino – che è falso che il gruppo degli amici di Camilla avesse l’abitudine di svolgere quel fantomatico gioco del semaforo rosso di cui qualcuno ha parlato”. “Sono profondamente rattristato – aggiunge il penalista – prima che come difensore dei signori Romagnoli, come cittadino, per gli interventi in libertà di persone solo incuriosite dal fatto drammatico che ha gettato nella tragedia tre famiglie. Attendiamo con fiducia l’esito delle indagini da parte della Procura della Repubblica”. Il legale, infine, precisa “che mai la signora Romagnoli si è espressa nei termini di cui si è letto in qualche notizia di stampa relativamente agli arresti domiciliari di Pietro Genovese; anzi, sin dal giorno dopo il drammatico incidente, la famiglia Romagnoli e in particolare la signora Romagnoli, ha tenuto a ribadire più volte che loro interesse è solo la giustizia e mai la vendetta”.

Advertisements

Intanto sui social è virale un video, senza data certa, nel quale si vedono dei ragazzi attraversare Corso Francia in un punto non distante da quello nel quale le due ragazze sono state investite.

FOLLA PER I FUNERALI DI GAIA E CAMILLA

Sensibilizzati ulteriormente i controlli stradali nelle zone della movida maggiormente frequentate e sulle strade ad alto scorrimento della Capitale a una settimana dal tragico investimento di Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli, le due sedicenni investite a Corso Francia. Secondo quanto si è appreso, nel 2019 i controlli stradali della polizia locale sono stati già incrementati di quasi il 20% e le vittime sul territorio di Roma Capitale sono diminuite di circa il 16% rispetto al 2018. A dicembre il Comando ha predisposto ulteriori servizi destinati proprio alla sicurezza stradale, alla viabilità in moltissime strade della Capitale in occasione delle festività natalizie.

Intanto sul ‘Messaggero’ un testimone che era a bordo dell’auto di Genovese racconta il momento dell’incidente. “Quelle due ragazze sono sbucate all’ improvviso, correvano mano nella mano. Era impossibile evitarle. Pioveva, era buio, ma ricordo perfettamente cos’è successo: ho visto due sagome apparire dal nulla e poi il corpo di una di loro rimbalzare sopra il cofano”. A dirlo, intervistato dal Messaggero, è Davide A., 20 anni, studente di Economia dei Parioli, a bordo dell’auto che la notte di sabato scorso ha travolto le due sedicenni Gaia e Camilla alla cui guida c’era Pietro Genovese. “Eravamo appena andati via da una cena a casa di amici al Fleming – racconta sulla serata fatale – dove avevamo festeggiato il ritorno di un amico dall’ Erasmus. Avevamo bevuto qualche bicchiere di vino, niente di più. Era da poco passata la mezzanotte e avevamo imboccato Corso Francia per andare verso il Treebar al Flaminio“. “Pietro guidava – continua -, io ero seduto accanto a lui e dietro di noi, sul sedile posteriore, c’ era un altro nostro amico che al momento dell’incidente però stava mandano un messaggio con il cellulare e dice di non aver visto nulla”. “Nessuno di noi era drogato o ubriaco”, spiega anche il giovane che sulla velocità sostenuta dall’auto aggiunge: “Non so, ma anche volendo non avremmo potuto correre. Su Corso Francia era appena scattato il semaforo verde e l’ auto era ripartita da poco”.

   

Rispondi