(ANSA) – MILANO, 7 SET – Una 14enne ha minacciato di lanciarsi dal balcone della propria abitazione in zona Casoretto, a Milano, dopo aver litigato con la sorella per l’uso del cellulare. Ieri alle 17 la ragazzina era in casa con le sorelle di 8 e 16 anni. Dopo aver discusso con la sorella maggiore a causa dello smartphone (il motivo preciso non è stato ricostruito dalla polizia), è uscita sul balcone al secondo piano e si è seduta sulla ringhiera. Quando la polizia è arrivata, la 14enne aveva le gambe penzoloni all’esterno.

Due agenti sono rimasti in strada e altri due sono saliti in casa per tentare di convincerla a rientrare. Intanto è tornata la madre, che gli ha indicato il modo più sicuro per avvicinarsi al balcone. Dopo una trattativa di alcuni minuti la ragazzina ha accettato di mettersi in salvo ed è stata accompagnata all’ospedale Niguarda per una visita. La studentessa non ha mai manifestato intenzioni suicide, non è in cura e, secondo quanto raccontato dalla famiglia, ha un ottimo rapporto con i genitori.
   

Rispondi