Prima Pagina>Regioni>Molise>Zes, da ministro Lezzi ok a Piano Molise
Molise

Zes, da ministro Lezzi ok a Piano Molise

(ANSA) – CAMPOBASSO, 1 FEB – Il Piano strategico della Zona
economica speciale (Zes) predisposto dalla Regione Molise ha
ricevuto l’approvazione da parte del ministro per il Sud,
Barbara Lezzi, e della struttura tecnica ministeriale. Lo ha
reso noto il presidente della Giunta regionale, Donato Toma, a margine dell’incontro ieri con la titolare del dicastero. Il
documento è stato valutato positivamente “anche in
considerazione – spiega il governatore – della connessione con
quello della Puglia. Ora restano da fare solo alcuni
allineamenti tra le due proposte sulle quali interverranno i due
gruppi di lavoro in tempi molto stretti. Abbiamo fatto un deciso
passo avanti rispetto all’iter della Zes il cui Piano strategico
è stato presentato dalla Regione Molise lo scorso dicembre. In
pochi mesi – commenta Toma – la nostra Struttura ha bruciato le
tappe e predisposto una proposta puntuale e ineccepibile, che ha
ricevuto il plauso dai tecnici del ministero”. Si è parlato anche del Decreto semplificazioni “che porterà
sostanziali miglioramenti nei tempi e nell’ottenimento dei
permessi per la realizzazione di interventi in area Zes e
rappresenterà un reale valore aggiunto all’interno
dell’impianto”. Con riferimento alla possibilità di avere una
riserva sulla disponibilità delle aree, in modo da lasciare al
libero mercato e al confronto concorrenziale una parte delle
aree non destinate agli insediamenti in area Zes, “il ministro –
fa sapere il governatore – ha condiviso qualità e funzionalità
dell’idea. Auspico nei prossimi mesi – conclude Toma – la
definitiva approvazione della strategia e la valutazione delle
prime idee imprenditoriali che potranno atterrare sul
territorio. Ho anche rappresentato alla ministra Lezzi
l’opportunità di estendere le semplificazioni amministrative
previste per la Zes ad altri contesti e ambiti di particolare
rilevanza, quali le aree di crisi complessa e, in generale,
tutti i finanziamenti legati ai fondi nazionali e comunitari”.
    (ANSA).
   

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *