(ANSA) – VERCELLI, 12 FEB – Anche il riso cambogiano deve essere inserito tra i prodotti soggetti a dazi doganali. Lo sostiene il presidente di Ente Risi, Paolo Carrà, ascoltato oggi in audizione alla commissione Agricoltura della Camera. “Il provvedimento è necessario – spiega Carrà – perché la clausola di salvaguardia, che l’anno scorso ha introdotto i dazi doganali, è valida ancora per soli due anni, ed é applicata solo al riso Indica lavorato mentre la Cambogia sta importando anche Japonica e semigreggio Indica. Inoltre, pende dinnanzi al tribunale dell’Ue la procedura del Governo cambogiano per l’annullamento della clausola di salvaguardia”. (ANSA).
   

Rispondi