(ANSA) – ROMA, 25 NOV – “C’è tanta rabbia, eravamo avanti per 2-0 fino all’80’, poi per colpa nostra abbiamo pareggiato. Ci serva da lezione, il calcio è così, c’è poco da fare. Peccato, avevamo in pugno la gara, comunque è un risultato positivo che allunga la serie positiva. C’è anche rabbia, però”. Intervistato da Sky dopo Lecce-Cagliari, il tecnico della squadra sarda Rolando Maran non nasconde il proprio rammarico per il risultato.
    Sull’espulsione del suo portiere Olsen, per le reciproche scorrettezze con Lapadula, Maran dice che “è inutile star qui a discutere, sono cose che non dobbiamo commettere. Ne parlerò a mettere fredda con il ragazzo. Lui è una persona seria, che si impegna sempre, forse ha subito una mezza provocazione. Non deve essere così, ma già ne abbiamo parlato troppo e certe cose possono complicarci la vita. Lapadula? Sia lui che Olsen si affrontano, molto spesso accadono questi gesti, per entrambi la sanzione deve essere la stessa, da quello che ho visto”.
    “Nainggolan? – conclude il tecnico del Cagliari -. Radja è un uomo squadra, tutti sono corsi ad abbracciarlo dopo il gol, sta crescendo di condizione, è un talento naturale. Sono felice per lui, peccato che il suo gol non abbia portato i tre punti”.
    (ANSA).
   

Rispondi