Prima Pagina>Regioni>Sardegna>La rabbia dei pastori sardi sui social
Sardegna

La rabbia dei pastori sardi sui social

(ANSA) – CAGLIARI, 8 FEB – E’ documentata con continui post
su Facebook da parte dei pastori la protesta per il crollo del
prezzo del latte ovino in Sardegna culminata oggi con il blocco
della Statale 131 e lo sversamento sulla strada di migliaia di
litri di prodotto appena munto e trasportato nelle autocisterne
dirette ai caseifici. Nei video, che stanno facendo il giro
della rete, alcuni diventati virali (si arriva quasi a 200 mila
visualizzazioni), la sequenza di immagini è sempre la stessa:
uno o più allevatori che aprono i rubinetti delle loro cisterne
e lasciano scorrere a terra il latte, urlando la propria rabbia
per la remunerazione del prodotto ritenuta troppo esigua per
poter rientrare con le spese, nonostante la tenuta del prezzo
del formaggio – in particolare il Pecorino Romano – che regola
tuttora l’andamento del mercato. Qualche pastore, invece di
buttare il latte, ha deciso di farlo bere ai maiali, sempre in
segno di protesta. In tutti i post compare l’hashtag
#pastorisardi.
   

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *