Prima Pagina>Regioni>Sardegna>Scuola: 13mila studenti sardi a caccia della “maturità”
Sardegna

Scuola: 13mila studenti sardi a caccia della “maturità”

di Stefano Ambu

L’elaborato è già pronto: si legge e si ripassa prima del grande giorno. Mercoledì 17 si parte per entrare nella storia con il primo esame di stato che deve fare i conti con il coronavirus: solo un colloquio, basato anche sul lavoro scritto effettuato nelle scorse settimane dagli studenti per dimostrare di avere le carte in regola per la ‘maturità’. Stamattina l’insediamento in Sardegna delle 385

Advertisements
commissioni d’esame con l’estrazione della lettera per decidere i turni delle interrogazioni. Dovranno valutare un esercito di ragazzi, circa tredicimila: 12.292 candidati interni e 388 esterni.

Advertisements

Nell’Isola non ci sono stati problemi per la nomina dei presidenti come successo in altre regioni. “Per il momento è andato tutto secondo i piani – conferma all’ANSA il direttore scolastico regionale Francesco Feliziani – Naturalmente aspettiamo il giorno dell’esame per un bilancio complessivo, ma ci siamo preparati bene anche noi per far sì che tutto possa andare per il meglio”. Dal punto di vista logistico situazione regolare. “Tutte le strutture sono idonee”, spiega Feliziani. Insomma non c’è stato bisogno di ricorrere a soluzioni “creative” come palestre esterne o cortili.

Non ci saranno come in passato le fughe di notizie legate alle tracce d’esame. E neanche la lotta contro l’uso degli smartphone durante le prove. Ma c’è sempre il pericolo ‘fake news’ comunque in agguato. E quindi via alla campagna della Polizia di Stato contro bufale e leggende legate agli esami. Anche perché le tante notizie contrastanti circolate in questi mesi stanno confondendo i ragazzi: secondo una ricerca di Skuola.net un maturando su quattro pensa che non potrà abbassare non solo la guardia, ma anche la mascherina. Neppure mentre parla di fronte alla commissione.

Mentre le linee guida concedono allo studente la possibilità di ‘abbassarla’ per svolgere il colloquio, visto che la disposizione delle postazioni impone il rigido rispetto di un distanziamento di almeno due metri tra i presenti in aula. Uno su due, poi, è sicuro che gli verrà misurata la febbre all’ingresso di scuola e che dovrà indossare i guanti. Non è vero: basterà produrre una dichiarazione che attesti l’assenza di sintomi riconducibili al Covid-19. Lo stesso si può dire per la questione guanti: nessun obbligo, secondo il protocollo basterà igienizzarsi frequentemente le mani (con i gel messi a disposizione dall’istituto), ma solo uno sudente su due è aggiornato su questa procedura. L’unico passaggio veramente chiaro è quello dei tempi di permanenza nelle strutture: quasi tutti (92%) sanno che potranno arrivare circa 15 minuti prima del proprio esame e che dovranno andare via immediatamente una volta finita la prova. E poi, comunque vada, sarà vacanza.

Rispondi