Prima Pagina>Curiosità>Il Carretto siciliano, da mezzo di trasporto ad una stupenda opera d’arte
Curiosità Professioni Sicilia

Il Carretto siciliano, da mezzo di trasporto ad una stupenda opera d’arte

Fin dall’antichità, il trasporto delle merci e delle persone avveniva per via mare mediante barche e per via di terra sul dorso di animali da soma o per mezzo di veicoli più o meno rudimentali. Il carro siciliano, come ogni altro strumento di lavoro, è strettamente legato alla storia economica e culturale dell’isola. Dalla caduta dell’impero romano a tutto il sec. XVII, il deterioramento e poi l’assenza di una rete viaria percorribile limitava l’uso del carro.

È solo con i primi dell’800 che il carretto inizia a diffondersi: trainato da un cavallo, il carretto inizia da quel momento a essere usato per il trasporto che rispondeva a esigenze pratiche .A seconda delle diverse zone della Sicilia il carretto si differenziava per forme e colori, ogni artigiano è solito dare un’impronta diversa, un carattere unico che identifica e contraddistingue ogni carretto: il tipo palermitano ad esempio è riconoscibile per le sue sfumature, la tinta di fondo è gialla e le tematiche oscillano tra il cavalleresco ed il religioso mentre, quello trapanese, si distingue per le ruote di più grande diametro. Il tipo catanese è invece di dimensioni generalmente più piccole e come tinta di fondo si serve prevalentemente del rosso; infine troviamo il carretto castelvetranese che presenta caratteristiche intermedie tra quello palermitano e quello trapanese.

Col passare degli anni il carretto ha perso lo scopo originario del trasporto delle merci e ha assunto un valore emblematico per il folklore, diventando la testimonianza di un insieme di usi e tradizioni ormai in via d’estinzione. Purtuttavia il sapere degli artigiani non è scomparso, per quanto molto meno diffuso: esso è stato gelosamente custodito e tramandato nel tempo, da padre in figlio. 

Quando Guy de Maupassant, scrittore francese, nella Primavera del 1885, sbarcò a Palermo, la prima cosa che lo colpi fu proprio un carretto siciliano e lo definisce ” un rebus che cammina ” per il valore degli elementi decorativi. ” Tali carretti, piccole scatole quadrate, appollaiate molto in alto su ruote gialle, sono decorati con pitture semplici e curiose, che rappresentano fatti storici, avventure di ogni tipo, incontri di sovrani, ma prevalentemente le battaglie di Napoleone I e delle crociate; perfino i raggi delle ruote sono lavorati. Il cavallo che li trascina porta un pennacchio sulla testa e un altro a metà della schiena….Quei veicoli dipinti, buffi e diversi tra loro, percorrono le strade, attirano l’occhio e la mente e vanno in come dei rebus che viene sempre la voglia di risolvere”.

fonte palermo web

 

I carretti siciliani da collezione(vedi foto) sono lavorati e scolpiti a mano. Rappresentano i disegni : la guerra tra cavalieri .

L’artista  Corrado Gennarino nel 1991 ne ha realizzati solo  tre .Sono tutti pezzi da collezione per veri intenditori.

Per info scrivere alla redazione di corriereQuotidiano.it 

 
Please follow and like us: