Prima Pagina>Regioni>Toscana>Fondi Ue: a Viareggio seduta comitato sorveglianza Por Fse
Toscana

Fondi Ue: a Viareggio seduta comitato sorveglianza Por Fse

(ANSA) – FIRENZE, 3 GIU – Si terrà domani a Viareggio (Lucca), alla sala convegni ex Arimar, la seduta plenaria del Comitato toscano di sorveglianza del Programma operativo regionale (Por) del Fondo sociale europeo (Fse) 2014-2020, chiamato a valutare l’attuazione del programma ed i progressi compiuti nel conseguimento degli obiettivi previsti. A presiederlo sarà l’assessore regionale a istruzione, formazione e lavoro Cristina Grieco che assieme all’Autorità di gestione per la Toscana del Por Fse, spiega una nota, farà gli onori di casa ai rappresentanti della Commissione europea, di Anpal, dell’Agenzia per la coesione territoriale, del ministero dell’Economia e delle finanze, dell’Ispettorato generale per i rapporti finanziari con l’Ue, della Presidenza del Consiglio dei ministri e ai referenti delle direzioni regionali che attuano interventi sul programma.
    I lavori sono aperti anche al pubblico e agli organi di stampa: la seduta plenaria del Comitato tra i suoi obiettivi ha anche la diffusione ai non addetti ai lavori dei risultati ottenuti nella gestione di quello che è definito il “più importante strumento di cui la Toscana dispone per il proprio capitale umano”: il Fondo sociale europeo 2014-20 in Toscana ha a disposizione complessivamente 732 milioni di euro per sostenere la formazione, l’istruzione, il lavoro e l’inclusione sociale.
    Il Comitato di sorveglianza sarà poi chiamato ad esprimersi sulla relazione annuale di attuazione relativa al 2018, con particolare attenzione al Qrea, quadro di riferimento dell’efficacia dell’attuazione. Nel corso dell’incontro verrà presentato lo stato di avanzamento del programma con specifiche informative sulle principali iniziative avviate nel 2019 e sulle previsioni per il 2020. Verranno presentati infine il rapporto di valutazione, il piano di comunicazione e di rafforzamento, lo stato di attuazione delle attività di audit e del programma Pon Iog e un approfondimento sulle tema della parità di genere.
    (ANSA).
   

Rispondi