Prima Pagina>Regioni>Toscana>Strage Viareggio: 10 anni fa l’incidente
Toscana

Strage Viareggio: 10 anni fa l’incidente

(ANSA) – VIAREGGIO (LUCCA), 29 GIU – Una serie di faldoni contenenti le motivazioni della sentenza di primo grado sulla strage di Viareggio (Lucca) come “manuale della buona gestione delle Ferrovie”, sono state consegnate da Daniela Rombi, dell’associazione dei parenti delle vittime ‘Il mondo che vorrei’, al ministro dei Trasporti Danilo Toninelli al suo arrivo al cimitero viareggino della Misericordia dove sono iniziate con una messa le celebrazioni per il decennale della strage ferroviaria. Toninelli, accompagnato da Rombi, ha visitato la cappella dove sono sepolte alcune delle vittime della strage del 29 giugno 2009. Poco prima di iniziare la messa Toninelli è stato fermato da una familiare di una delle vittime del crollo della torre dei piloti di Genova del 7 maggio 2013, con la quale si è brevemente intrattenuto. Presente alla cerimonia anche Marco Piagentini, presidente dell’associazione ‘Il mondo che vorrei’.
   

“Il decimo anniversario del disastro di Viareggio riunisce il Paese nella commemorazione di un evento tragico e inaccettabile. In questa giornata in cui si rinnova il dolore dei familiari delle vittime desidero esprimere solidarietà e vicinanza all’intera comunità cittadina, e in particolar modo a quanti hanno patito lo strazio più indicibile per quelle vite spezzate”. Lo afferma in un messaggio Sergio Mattarella. “L’incidente ferroviario di Viareggio costituisce un monito permanente: infrastrutture e reti sono essenziali per il progresso e la vita delle comunità e non possono trasformarsi in strumenti di distruzione e di morte. La sicurezza è un diritto che, attraverso standard e controlli adeguati, va assicurato agli utenti, ai lavoratori, ai cittadini che vivono in prossimità di impianti tecnologici, industriali, di vie di comunicazione per eliminare ogni rischio di disastri”, aggiunge il Capo delli Stato ringraziando per il loro impegno le associazioni dei familiari delle vittime.

Rispondi