Prima Pagina>Cronaca>Sanità: ok a cabina regia Vda, è composta da 15 membri
Cronaca Valle d'Aosta

Sanità: ok a cabina regia Vda, è composta da 15 membri

 

Ci sono voluti pochi minuti per approvare la delibera che questa sera ha dato il via libera alla costituzione della cabina di regia per l’attuazione del Piano salute 2020-2025 in Valle d’Aosta. Dopo la fumata ‘nera’ in tarda mattinata e un pomeriggio di trattative, alle 19,20 l’esecutivo – su proposta dell’assessore alla sanità, Mauro Baccega – ha sancito la creazione del nuovo organismo, i cui membri – secondo quanto si è appreso – sono passati da 11 (previsti in un primo momento) a 15.

Tra questi ci sono anche l’ex Ministro della Salute, Renato Balduzzi, esperto di Diritto costituzionale della salute e organizzazione sanitaria, e il professor Fabrizio Faggiano, uno dei massimi esperti di epidemiologia a livello nazionale. Inoltre sono stati inseriti nella “squadra” funzionari dell’Usl (compreso il commissario) e dell’assessorato, il presidente dell’ordine dei medici, il presidente della Fondazione Montagna Sicura, il coordinatore dell’emergenza Covid, rappresentanti degli enti locali, del settore infermieristico e del Soccorso alpino.

“Sono soddisfatto per l’intera regione. Dalla cabina di regia ci aspettiamo un rilancio di idee e azioni per il miglioramento della sanità” ha commentato l’assessore Baccega.
Balduzzi parteciperà a titolo gratuito così come gli altri, ad eccezione di Faggiano per cui è previsto un compenso di 15.000 euro.

Compiti della cabina tecnica di regia sono: supportare le decisioni necessarie alla gestione della Fase 2 dell’emergenza da Covid-19 in ambito ospedaliero, territoriale e della prevenzione; per quanto riguarda gli aspetti epidemiologici, procedere alla raccolta e alla valutazione del sistema degli indicatori per il monitoraggio dell’epidemia e alla definizione di un sistema di sorveglianza dello sviluppo dell’epidemia; redigere un Piano di proposte operative per la gestione della Fase 2 per quanto attiene alle materie sanitarie e socio-sanitarie entro il 31 luglio.     

Rispondi