Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Lo sciocco dice, “Questi sono i miei figli, questa è la mia terra, questo è il mio denaro”. In realtà, lo sciocco non possiede se stesso, tanto meno i figli, la terra o il denaroGautama Buddha

La tossicità del fluoro. Un nemico invisibile e onnipresente.

di Matilde De Luca
Molti sono i misteri che aleggiano su questa sostanza di uso comune. Fin da piccoli lo assumiamo in pillole, gocce, integratori, liquidi, cibi. Ma quali sono gli effetti sulla salute e da dove deriva questo elemento chimico?
bambina

Quelle pilloline che la mamma ci dava perchè prescritte dal comune. Non è necessario sfociare nel complottismo più estremo e non è neppure nostra intenzione, ma semplicemente analizzare i fatti così come si sono susseguiti.

Il fluoro è un alogeno, come il cloro, il bromo e lo iodio, ed è presente a temperatura ambiente sotto forma di gas. Un gas biatomico tossico, altamente nocivo e corrosivo.

A partire dalla seconda guerra mondiale il mondo occidentale si ritrovò carico di grandi quantità di fluoro, utilizzato nell'industria bellica per diversi scopi tra cui la produzione del gas nervino e dell'atomica. Lo stesso fluoro con cui ci laviamo ogni mattina i denti,che assumiamo sorseggiando le acque potabili dei nostri rubinetti e delle bottiglie in commercio, lo stesso che introduciamo nel nostro corpo masticando gomme, bevendo bibite gasate e che è contenuto in moltissimi alimenti poiché utilizzato come conservante soprattutto nei prodotti surgelati.

Il Dr. Charles Gordon Heyd, ex Presidente della American Medical Association dichiarò in un'intervista : “Sono spaventato dalla prospettiva di utilizzo dell’acqua come veicolo di farmaci. I fluoruri sono corrosivi veleni che produrranno seri effetti a lungo termine. Ogni tentativo di utilizzare l’acqua a questo scopo è deplorevole”.

A partire dalla fine degli anni 40 si cominciò negli Stati Uniti a utilizzare il fluoro nelle acque pubbliche con il dichiarato scopo di prevenire le carie nella popolazione.

f
Life Gate

Attualmente moltissimi paesi del mondo si servono dell'utilizzo di fluoro nelle acque potabili, salvo alcune eccezioni che al contrario hanno severamente proibito e regolamentato l'assunzione di questa pericolosa sostanza neurotossica. Tra questi paesi ci sono la Danimarca, il Belgio, l'Olanda, la Francia, la Spagna e la Germania. Un'inchiesta del programma Report risalente al 2003 metteva ben in evidenza la controversa e ambigua tematica del fluoro e del suo inquietante utilizzo, rivelandone l'elevata pericolosità a fronte di un atteggiamento oscuro da parte di molti governi.

Fluoruro di sodio, monofluorofosfato di sodio o fluoruro stannoso, sono tutti derivati della stessa sostanza. Numerosi scienziati in diverse parti del mondo hanno pubblicamente dichiarato e confermato i pericoli derivanti dall'assunzione del fluoro, specie in età puerile. Questi sono solo alcuni dei danni che il fluoro può causare: danni neurologici (anche solo 1ppm-particella per milione- può causare nei bambini danni cerebrali e deficit di apprendimento),riduzione della resistenza delle ossa e del sistema scheletrico, alterazione della ghiandola tiroidea e del sistema endocrino, danni ai reni e al fegato, calcificazione della ghiandola pineale, malattie neurodegenerative, depressione, tumori e molte altre ancora .La lista potrebbe continuare. I ricercatori della Kent University, nel Regno Unito hanno condotto uno degli studi più approfonditi in materia, monitorando un range di popolazione molto vasto e gli effetti della “fluorizzazione” delle acque. Pubblicato sul Journal of epidemology and Community Health, lo studio ha dimostrato non solo l'elevata esposizione a ingenti quantità di cloro rinvenute nelle acque ma le conseguenti e molteplici malattie e disturbi annessi.

d

Nonostante gli innumerevoli e documentati appelli del mondo medico, stando alle dichiarazioni ufficiali non sono stati dimostrati i danni del fluoro sulla salute umana. Non solo. Molti dei rapporti testimonianti gli effetti nocivi dei fluoruri sulla popolazione furono classificati come segreti per “ragioni di sicurezza nazionale” e vennero sequestrati. Nel corso del tempo, grazie ad un'accurata campagna di disinformazione sapientemente strutturata, la popolazione venne indotta a convincersi della fondamentale importanza dell'assunzione del fluoro come forma di tutela della salute dentale. E della salute mentale? La stessa Unicef in una dichiarazione del 1997 afferma : “Per decenni abbiamo creduto che il fluoro in piccole dosi non avesse effetti collaterali sulla salute. Ma sempre più scienziati stanno seriamente mettendo in discussione i benefici del fluoro, anche in piccole quantità.”

Eclatanti i casi di alcuni scienziati che in seguito alla dichiarata pericolosità del fluoro, hanno ricevuto minacce e ritorsioni. La Dott. Mullenix della Harvard University, nel 1994 presentò i suoi risultati al Journal of Neurotoxicology and Teratology. Tre giorni dopo fu licenziata.

Non è chiaro il motivo di cotanta segretezza e ambiguità e non intendiamo avanzare ipotesi azzardate, ma una cosa è certa: questa sostanza presenta numerosi lati oscuri e chiunque dotato di un po' di buon senso dovrebbe prima di tutto informarsi e in secondo luogo evitarla come meglio può.