Prima Pagina>Salute>Bill Gates dona un altro miliardo per sradicare la malaria
Salute

Bill Gates dona un altro miliardo per sradicare la malaria

Secondo le previsioni, il rilancio della lotta alla malaria grazie a nuovi fondi potrebbe consentire di evitare 350 milioni di casi nei prossimi cinque anni e salvare circa 650mila vite nei Paesi del Commonwealth

Londra – Il filantropo e miliardario (92 mld la sua fortuna) ha annunciato la cospicua donazione, attraverso la Bill & Melinda Gates Foundation a Londra e ha chiesto più fondi e più azioni preventive.

Obiettivo, dimezzare i casi entro il 2023. Bill Gates partecipa al Malaria Summit London 2018, mentre nella capitale britannica sono presenti i leader politici dei 53 paesi del Commonwealth. Dal vertice di Londra è arrivato un impegno globale di donatori, ministri e imprenditori a destinare 3,8 miliardi di dollari nella ricerca, l’innovazione, la prevenzione e la cura della malaria.

Ci sono ancora milioni di persone a rischio, economie che rallentano e ogni due minuti la malattia porta via un bambino“, ha ricordato la premier, Theresa May. “La storia ci ha mostrato che con la malaria non possiamo rimanere fermi. Dobbiamo andare avanti altrimenti rischiamo una recrudescenza di casi. Anche perché le zanzare stanno diventando sempre più resistenti” ha avvertito il filantropo americano. “È una malattia che si può prevenire, curare e anche sconfiggere. Speriamo che l’incontro di oggi segni un punto di svolta“.

Gli esperti hanno evidenziato i progressi enormi registrati nella lotta alla malaria negli ultimi 20 anni, che hanno consentito di ridurre mortalità e numero di casi. Tuttavia nel 2016, per la prima volta nell’ultimo decennio, il numero di casi è aumentato e in alcune aree del mondo la malattia si è nuovamente manifestata. Nel 2016, circa 216 milioni di casi clinici sono stati censiti in 91 paesi, circa cinque milioni in più rispetto all’anno precedente. In media ogni anno la patologia causa ancora 400 mila vittime.

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *