Prima Pagina>Salute>Il frutteto libero di MIlano: cogli la mela dall’albero, paghi e te ne vai
Salute

Il frutteto libero di MIlano: cogli la mela dall’albero, paghi e te ne vai

FruttaInCampo nasce da un’idea di alcuni amici e agronomi che decidono di impiantare un frutteto a Milano. Lo scopo è quello di produrre in modo sano frutta che possa essere raccolta direttamente dal consumatore

Dal prossimo 10 maggio i milanesi avranno la possibilità di portare sempre in tavola “frutta fresca, maturata sulla pianta e quindi ricca di sapori, profumi e sostanze nutritive”.

2,4 ettari di frutteto da ammirare e vivere, anche con i bambini, a Milano. Duemila piante disposte in 26 filari, tra cui camminare e raccogliere al riparo dallo stress cittadino, nove specie di frutta per sessanta varietà: mele, pere, susine, ciliegie, albicocche, pesche, viti, more e mirtilli.

Non siamo in campagna ma a Milano in via Caio Mario, zona San Siro, a soli due chilometri dallo stadio Meazza. Insomma, un chilometro zero che più di così non si può: “Scegli da solo la frutta che ti piace e la prendi direttamente dalla pianta, paghi quello che porti via, passeggi tra i filari, ti immergi nella natura e compri la frutta fresca e genuina spiegano – perché la nostra frutta è prodotta con metodi di irrigazione ecocompatibile, l’acqua di irrigazione è pompata da un pozzo al riparo da sversamenti in acque superficiali, il frutteto è fertilizzato con letame tramite la fertilizzazione con borlanda e, infine, è coperto da reti anti insetto che consentono di ridurre al minimo i trattamenti contro gli insetti”.

Ovviamente, vista la logica assolutamente eco, per le principali malattie delle piante si utilizzano prodotti consentiti nell’agricoltura biologica, come sali di rame, zolfo.

Non vengono utilizzati antiparassitari sistemici, quelli cioè che entrano in circolo nella pianta. Questo significa che si può mangiare la frutta in piena sicurezza dopo un semplice lavaggio in acqua.

FruttaIncampo è una start up che punta al ritorno alle origini, dopo la bonifica di due discariche abusive. Chiunque può recarsi al frutteto, raccogliere da solo la frutta direttamente dall’albero, pagandola secondo il peso.

Rispondi