Prima Pagina>Sanus Vivere>DPCM e MASCHERINA: ci vogliono “ADDESTRARE” a pensare in un solo modo?
Sanus Vivere

DPCM e MASCHERINA: ci vogliono “ADDESTRARE” a pensare in un solo modo?

di Sandra Caschetto

 

Polemica a Non e’ l’Arena domenica sera tra il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri e lo scrittore filosofo Diego Fusaro sul nuovo dpcm del governo e sull’obbligo della mascherina.
Fusaro paragona la mascherina alla camicia nera del Ventennio e parla di ‘regime terapeutico’ autoritario:

Advertisements
href="https://internationalhelpforpeople.org/?p=106" target="_blank" rel="noopener noreferrer">“Tutte le misure emergenziali che vengono proposte come misure mediche sono sempre in pari tempo anche misure politiche. Si va dal lockdown al divieto di assembramento. Non dimentichiamo che il regime fascista in Italia poneva in essere il divieto di assembramento, dicendo come ratio: se c’è l’assembramento, ci possono essere le contestazioni del regime”.

Advertisements

Sileri che replica: “Io credo che il ragazzo si farà nel tempo, perché è molto giovane”. Fusaro insorge: “Classica frase da anziano che usano i cafoni“.
“Io infatti sono anziano – continua Sileri che mostra la sua mascherina – Questa salva la vita. Fossi in te leggerei qualche libro di medicina”-replica Sileri al filosofo Fusaro.

Insomma una continua disputa che manca di rispetto,  mentre la nostra la nostra economia , la nostra  scuola , i nostri ragazzi ,il nostro futuro soffrono una condizione sociale e politica che sta andando verso la deriva .

Nessun pensiero ordunque è migliore di un altro il” diverso” è utile e necessario in numerose occasioni. Tuttavia, il vero problema è che ci “vogliono addestrare” a pensare in un solo modo, lasciando da parte (e addirittura annullando completamente) la  libertà e, come se non bastasse, non  mettono mai a confronto figure professionali dello stesso livello, non che Fusaro come filosofo sia meno rispetto a Sileri che e’ un medico, ma va considerato che neppure il nostro Ministro della salute Speranza “ha forse  letto libri di medicina”, eppure e’ il ministro della salute.

Penso, sia piu’ giusto, mettere a confronto per far comprendere meglio agli Italiani tutta la vicenda , il vice ministro Sileri  con:  illustri medici, professori ,virologi, epidemiologi del calibro del dott.prof. Salvo Raino’,Giulio Tarro ,Mario Bacco, Barbara Balanzoni, Stefano Montanari, M.Antonietta Gatti,Loretta Bolgan, Heiko Schöning (medico tedesco arrestato a londra per aver dichiarato :”Hanno paura di tutto quello che stiamo ottenendo. La buona notizia è che non c’è una pandemia e non dovete aver paura di un mortale virus. Tutti i dati dimostrano che non ha causato più danni di una normale influenza”),Didier Raoult ,Lisa Brosseau e Margaret Sietsema, Maël Lemoine, e potremmo arricchire l’elenco, perche’ solo cosi si puo’ avere un equo confronto, o non se ne esce….