Prima Pagina>Scienze>Addio a Nichi D’amico, papà del Sardinia Radio Telescope
Scienze

Addio a Nichi D’amico, papà del Sardinia Radio Telescope

È morto all’età di 67 anni l’astrofisico Nicolò (Nichi) D’Amico, studioso dei fenomeni più violenti dell’universo, ‘papà’ del radiotelescopio italiano Sardinia Radio Telescope (Srt) e presidente dell’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf), che guidava dal 2015. La carica gli era stata confermata nel dicembre scorso. La sua morte, improvvisa e prematura, lascia un vuoto nella ricerca astrofisica italiana. Nato a Palermo il 28 giugno 1953, sposato e con una figlia, D’Amico ha contribuito soprattutto agli studi di radioastronomia e dell’astrofisica delle alte energie. Era professore ordinario di astrofisica al dipartimento di fisica dell’Università di Cagliari.

“Sono profondamente addolorato”, ha detto il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, Giorgio Saccoccia – lascia un grande vuoto nel campo della space science, alla quale ha contribuito personalmente sia come scienziato di fama internazionale che come presidente dell’Inaf, che in questi anni ha contribuito a sostenere la partecipazione di scienziati italiani alle principali missioni scientifiche dell’Esa e della Nasa. Grazie al suo grande impegno e determinazione, Nichi è riuscito a portare a termine, in collaborazione con l’Asi, anche l’ambizioso progetto del Sardinia Radio Telescope, che ha dotato il nostro paese di un’antenna di 64 metri, da utilizzare sia come radiotelescopio che come antenna per missioni in deep space. La figura di Nichi D’amico rimarrà un punto di riferimento non solo per chi ha avuto il privilegio di collaborare con lui, ma anche per gli studenti che hanno avuto la fortuna di averlo come maestro. Per il poco tempo che ho avuto purtroppo a disposizione per conoscere ed interagire con lui, ho avuto modo di apprezzare non soltanto la sua grande professionalità e dedizione, ma soprattutto la sua bella personalità ed empatia. Ci mancherà tantissimo.”

Fonte www.repubblica.it

Rispondi