Prima Pagina>Scienze>Il grafene, supereroe dei materiali, servirà per vele spaziali e cavi che sostituiranno i razzi
Scienze

Il grafene, supereroe dei materiali, servirà per vele spaziali e cavi che sostituiranno i razzi

Composto da un solo strato di atomi di carbonio, resistente e leggerissimo, consente di produrre vele spaziali grandi km quadrati che pesano pochi etti, ma anche strutture di aerei ed elicotteri a prova di qualsiasi impatto

Da ansa.it

Vele solari per viaggiare fra le stelle. Ascensori spaziali per portare in orbita satelliti e astronauti senza usare un grammo di carburante. Aerei ed elicotteri sempre più leggeri, robusti e invisibili ai radar. Sono solo alcune delle incredibili applicazioni nel settore aerospaziale del grafene, il materiale delle meraviglie fatto da un solo strato di atomi di carbonio. Lo spiega Marco Molina, responsabile ricerca e sviluppo spazio di Leonardo, a margine della conferenza ‘Graphene: revolution is coming to Earth… and space’, organizzata nel Museo della scienza e della tecnologia ‘Leonardo da Vinci’ a Milano.

grafene

 

“Il grafene, con la sua grandissima resistenza meccanica e la sua leggerezza, è considerato un ottimo candidato per la realizzazione delle vele solari che ci porteranno a esplorare altri sistemi stellari”, racconta Molina. “Potremo produrre vele grandi chilometri quadrati che peseranno solo pochi etti e che potranno essere dispiegate in sicurezza mantenendo la loro integrità”.

Col grafene si potrebbe realizzare anche il resistentissimo cavo “dei futuri ascensori spaziali che sostituiranno i razzi”, aggiunge Molina. “Il cavo, sostenuto da un satellite in orbita geostazionaria, permetterá di sollevare da Terra delle piattaforme che arriveranno in orbita senza usare un grammo di combustibile, per portare astronauti, pezzi di stazioni spaziali, satelliti, telescopi ed esperimenti fino a 36.000 chilometri di altezza”.

grafene

 

A fare da apripista all’uso spaziale del grafene è stata proprio una sperimentazione condotta nel 2017 da Leonardo insieme al Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) e alle università di Cambridge e Bruxelles, che per la prima volta hanno testato l’uso del grafene in microgravitá per realizzare di sistemi di raffreddamento per satelliti.

grafene

 

Le applicazioni del grafene sorprendono anche in campo aeronautico. “Gli ingegneri di Leonardo – prosegue Molina – lo stanno già usando per realizzare strutture di aerei ed elicotteri sempre più leggere e resistenti agli impatti. Grazie alla elevata conducibilità elettrica del grafene, sarà possibile realizzare anche sistemi antighiaccio integrati nelle ali. La sua capacità schermante consentirà poi di produrre vernici che riducano l’impronta radar, per rendere i velivoli invisibili ma anche per realizzare campi eolici che non disturbino l’attività dei radar che studiano il traffico aereo.

Nella elettronica e nella microelettronica, infine, la capacità di dissipazione del calore del grafene ci permetterà di realizzare prodotti sempre più piccoli e competitivi”. “Leonardo guarda all’innovazione tecnologica che arriva dal mondo delle università e cerca di portarla nei suoi prodotti”, afferma Giovanni Soccodato, direttore strategie e innovazione di Leonardo.

grafene

 

“Per quanto riguarda il grafene, abbiamo grandi aspettative per il futuro: quello che stiamo cercando di fare oggi – aggiunge – è renderlo utilizzabile nelle applicazioni industriali. La collaborazione con la Graphene Flagship in questo senso è molto importante, perché apre alla collaborazione tra il mondo dell’industria e quello della ricerca, anche con piccole realtà come piccole start up e spin off universitari che spesso sviluppano applicazioni molto particolari che possiamo portare nei nostri prodotti per sbarcare poi sul mercato”.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *