Prima Pagina>Scienze>Pallavolo, la nazionale femminile si allena con i Big Data
Scienze

Pallavolo, la nazionale femminile si allena con i Big Data

Dopo aver conquistato l’argento ai Mondiali del Giappone, la nazionale femminile di pallavolo si prepara alle prossime sfide allenandosi con i Big Data: battute, schiacciate e schemi di gioco vengono continuamente perfezionati grazie ad algoritmi che macinano grandi quantità di dati raccolti dalle telecamere puntate sulle giocatrici. A raccontare questa esperienza fatta in collaborazione con Math&Sport, start-up dell’incubatore (Polihub) del Politecnico di Milano, è lo stesso allenatore della nazionale Davide Mazzanti, che oggi sarà ospite dell’ateneo per parlare di ‘Sport 2.0 tra Big Data e gestione del talento’, nell’ambito del ciclo di incontri ‘Arte e scienza’.

[embedded content]

L’evento aperto al pubblico sarà trasmesso in diretta streaming dal Canale Scienza e Tecnica dell’ANSA e sarà guidato dal docente di statistica Piercesare Secchi, da anni impegnato a sviluppare algoritmi per l’analisi di dati funzionali da applicare nei settori più disparati, dalla medicina all’energia solare, fino all’industria 4.0 e allo sport. Difficile dire quanto questi strumenti di analisi dei Big Data abbiano contribuito all’argento della nazionale, dice Mazzanti all’ANSA, “ma sono sicuro che possano recitare un ruolo sempre più determinante nel nostro percorso futuro”. Tanto che si pensa già a portare un ‘data scientist’ in panchina: “sperimenteremo il contributo di questa figura al fianco del nostro scoutman durante le tappe italiane della Volleyball Nations League e durante la qualificazione olimpica”, rivela l’allenatore.

Rispondi