Prima Pagina>Scienze>Scoperto il frammento di un pianeta ‘sopravvissuto’
Scienze

Scoperto il frammento di un pianeta ‘sopravvissuto’

E’ ‘sopravvissuto’ a una catastrofe e continua a vagare in una sorta di ‘cimitero’ cosmico lasciandosi alle spalle una scia di gas: è il frammento di un pianeta scampato alla morte della sua stella e ricchissimo di metalli pesanti. La scoperta, pubblicata sulla rivista Science e finanziata dal Consiglio Europeo della Ricerca (Erc), si deve al gruppo internazionale coordinato dall’università britannica di Warwick, al quale ha partecipato l’Italia, con l’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf).

Il frammento del pianeta, osservato utilizzando il Gran Telescopio Canarias, si trova a 410 anni luce dalla Terra ed è sfuggito al cataclisma seguito alla morte della sua stella, una nana bianca chiamata SDSS J122859.93+104032.9. A rendere ancor più sorprendente la sua sopravvivenza è la sua orbita: così vicina alla sua stella da compiere una rivoluzione ogni due ore. La scoperta è stata possibile grazie a una tecnica di analisi spettroscopica che ha permesso di identificare la scia di gas lasciata dal pianeta e le variazioni nella luce emessa dal sistema. E’ la prima volta che si scopre in questo modo un corpo solido in orbita attorno a una nana bianca.

“La stella doveva essere grande due volte la massa del Sole, ma ora è una nana bianca con una massa pari al 70% di quella solare”, osserva il coordinatore della ricerca, Christopher Manser. Gli astronomi hanno calcolato che il diametro del frammento dovrebbe essere di almeno un chilometro. “Le nane bianche sono ciò che resta di stelle come il nostro Sole, una volta che hanno esaurito tutto il loro combustibile e disperso i loro strati esterni”, spiega Melania Del Santo, dell’Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali dell’Inaf (Iasf-Inaf) di Palermo.

“Quando le stelle  invecchiano, diventano giganti rosse e, crescendo, spazzano via buona parte del loro sistema planetario, lasciandosi alle spalle solo un nucleo denso: una nana bianca”, prosegue la ricercatrice. Anche il Sole si espanderà fino a raggiungere l’orbita della Terra, inglobando Mercurio, Venere.

Quello che resta del pianeta sopravvissuto “orbita vicinissimo alla stella, molto al di là del limite oltre cui pensavamo che non ci fosse più alcunché. L’unica spiegazione è che debba trattarsi di un oggetto molto denso. Pensiamo sia composto in gran parte di ferro e nichel“, aggiunge uno dei ricercatori, Boris Gaensicke. 

Rispondi