Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! L’infelicità è più pesante della terra, nessuno sa lasciarla.Lao Tsu

Alternanza scuola-lavoro in Slovenia: al via il progetto per gli studenti italiani

Inglese, gestione di impresa e un pizzico di storia: da qualche settimana è partito un progetto di collaborazione tra la Slovenia e importanti istituti di istruzione superiore italiani per sviluppare programmi di alternanza scuola/lavoro oltreconfine
progetto di collaborazione tra la Slovenia e importanti istituti di istruzione superiore italiani

L’iniziativa è stata resa possibile grazie alla partecipazione del Gruppo Hit, operatore turistico sloveno che, oltre ad ospitare gli studenti nei suoi hotel di Nova Gorica e dintorni, collabora attivamente alla gestione dei corsi di formazione.

I primi gruppi sono stati organizzati tra febbraio e marzo dall’IIS Cipolla-Pantaleo-Gentile di Castelvetrano, in provincia di Trapani, per un totale di circa 100 studenti; altri gruppi sono partiti successivamente da Roma e Torino.

Ospiti dell’hotel Sabotin situato in Slovenia, a ridosso dell’Isonzo, gli studenti partecipano ad un corso intensivo di inglese, abbinato ad una serie di escursioni alla scoperta delle attrattive di carattere storico e naturalistico del territorio: Caporetto, con il Museo della Grande Guerra e il Sacrario Militare, le Grotte di Postumia e il castello di Predjama, fortezza del XIII secolo incastonata in una parete rocciosa alta più di 100 metri.

Sotto la guida di un tutor, i ragazzi toccano con mano anche i meccanismi organizzativi di un’azienda come il Gruppo Hit che, con oltre 2.000 dipendenti, si colloca al primo posto tra gli operatori legati al turismo e all’intrattenimento in Slovenia. Tra gli argomenti trattati: tecniche di problem solving, gestione delle risorse umane e rudimenti di marketing.

Suzana Pavlin, sales manager del Gruppo Hit, ha dichiarato: “Siamo orgogliosi di essere parte attiva nell’ambito di questa iniziativa che avvicina prestigiose istituzioni scolastiche alla Slovenia, offrendo così agli studenti un esempio concreto di quel mercato globale con cui sempre più spesso saranno chiamati a confrontarsi”.