Venerdì 3 luglio, la conferenza stampa di presentazione a Palermo

Nasce a Palermo l’ITS Alessandro Volta, il primo Istituto Tecnico Superiore a vedere la luce nella Sicilia occidentale. Una scuola ad alta specializzazione tecnologica di livello post secondario a cui si potrà accedere dopo il diploma superiore, sul modello delle alte scuole di formazione di tradizione tedesca e francese.

Accreditato dall’Assessorato Regionale dell’Istruzione e della Formazione professionale, il nuovo ITS “Alessandro Volta”, con la supervisione del MIUR, sarà gestito secondo il modello della  Fondazione di partecipazione pubblico-privata i cui soci fondatori sono: l’I.I.S.S. Alessandro Volta di Palermo, scuola capofila, l’Università di Palermo, il Comune di Palermo, Aeffe Aggiornamento Formazione Consulenza S.r.l., la Camera di Commercio Palermo Enna, Sicindustria Palermo e due aziende specializzate che operano nel settore delle apparecchiature elettromedicali: Axa Medical Care S.r.l. e 3C Med S.r.l. Numerose altre aziende hanno già manifestato la volontà di aderire alla Fondazione sia come soci aderenti sia come partner.

Tutti i particolari sull’ITS A. Volta Nuove Tecnologie della Vita di Palermo e sul percorso per Tecnico superiore per la produzione di apparecchi e dispositivi diagnostici, terapeutici e riabilitativi che sarà attivato ad ottobre prossimo, saranno illustrati in conferenza stampa venerdì prossimo, 3 luglio alle ore 10,30, a Palermo, nella Sala Terrasi della Camera di Commercio insieme al nuovo portale della Fondazione e ai dati sulle percentuali di occupazione degli studenti ITS.

Saranno presenti: il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il prof. Manfredi Bruccoleri dell’Università di Palermo, Alessandro Albanese, nella doppia veste di Presidente della Camera di Commercio e di Sicindustria Palermo, Margherita Santangelo, Dirigente dell’IISS A. Volta di Palermo, Maria Pia Pensabene, Program Manager in AEFFE S.r.l. È stato invitato a partecipare l’Assessore Regionale dell’istruzione e della formazione professionale, Prof. Roberto Lagalla.