Prima Pagina>Sociale>500mila figurine Amici Cucciolotti donate ai piccoli pazienti pediatrici
Sociale

500mila figurine Amici Cucciolotti donate ai piccoli pazienti pediatrici

Pillole di spensieratezza senza controindicazioni. “In un attimo il letto si riempie di colori, di figure di cuccioli di ogni specie ed è festa. E ti accorgi che sono trascorse due ore di assoluta normalità. A volte basta poco” dice un papà

Roma – Aprire una bustina di figurine mentre si è ricoverati in un reparto pediatrico di un ospedale diventa un’attività terapeutica, prova a creare un’atmosfera gioiosa che per qualche istante scaccia la tristezza e fa dimenticare la paura, il dolore e la malattia.

Non solo farmaci quindi ma anche un po’ di spensieratezza nei reparti pediatrici con la distribuzione di migliaia e migliaia di album e figurine “Amici cucciolotti” che la Pizzardi Editore mette gratuitamente a disposizione dei volontari della Fondazione Abio Italia Onlus, per distribuirle ai bambini ricoverati in 200 reparti degli ospedali in cui circa 5mila volontari Abio, riuniti in 66 associazioni, svolgono la loro attività a supporto dei genitori e del personale (medici, infermieri, e via dicendo).

La missione dei volontari è proprio quella di coinvolgere i piccoli degenti attraverso stimoli ludici con la speranza di migliorare le loro giornate e quelle dei genitori.

E la stanza di ospedale si trasforma per qualche ora in un luogo sereno

Maria Ciaglia, responsabile Comunicazione e Progetti della Fondazione Abio Italia onlus, spiega le ragioni di questa importante collaborazione: “Abbiamo apprezzato subito la generosa offerta della Pizzardi Editore, che si è resa disponibile a donarci ogni anno migliaia di album e 500mila bustine della collezione più amata dai bambini, perchè abbiamo colto le potenzialità che un simile strumento poteva avere nelle mani dei nostri volontari. La distribuzione delle ‘pillole di spensieratezza’ riscuote dappertutto un notevole successo tra i bambini ricoverati. La ripetizione di quel gesto, bustina dopo bustina, prolunga lo stato di benessere e instaura un clima di socialità e di relazione tra un letto e l’altro, per lo scambio delle doppie. E la stanza di ospedale si trasforma per qualche ora in un luogo sereno“.

È per noi motivo di grande orgoglio – afferma Enrico Giaretta, direttore Relazioni Esterne della Pizzardi Editore – essere al fianco dei volontari Abio, che con passione, professionalità e impegno hanno scelto di donare il loro tempo per assistere i bambini malati. Una missione sociale che si coniuga perfettamente con la nostra attenzione verso i valori positivi, come la solidarietà nei confronti dei più deboli e fragili che è diventata una caratteristica distintiva delle nostre collezioni. L’album di quest’anno, per esempio, si presenta come un viaggio alla scoperta delle parole che migliorano il mondo, come Amicizia, Lealtà, Collaborazione…e di quelle che invece sarebbe meglio cancellare, come Bullismo, Deforestazione, Estinzione. In ogni bustina è anche presente un ‘Parlottino’, che è un messaggino personalizzabile da consegnare a mano, guardandosi negli occhi: uno stimolo pensato per fare interagire maggiormente i bambini tra di loro, senza la mediazione di un supporto tecnologico“.

Sul ‘bugiardino’ di queste “pillole” – per restare in tema farmaceutico – che, oltre a far bene ai bambini, quest’anno riempiono 10 milioni di ciotole di cibo ai trovatelli accuditi dai volontari della Protezione Animali, “potrebbe dunque esserci scritto: ogni bustina di figurine contiene attimi di gioia, dosi variabili di divertimento, entusiasmo, ottimismo, empatia, stupore, meraviglia e solidarietà. Non vi sono controindicazioni al loro utilizzo perché i principi attivi contenuti non creano intolleranze o reazioni allergiche nelle persone sensibili“.

In un attimo il letto si riempie di colori, di figure di cuccioli di ogni specie ed è festa

Ed ecco la testimonianza del papà di Luca, un bambino ricoverato: “Le giornate in ospedale durano mille ore, non passano mai… Ti trovi davanti il tuo piccolo che soffre e ti senti impotente perchè non puoi fare nulla per aiutarlo, e mentre sei assorto nei tuoi pensieri, ecco che arrivano due volontarie dell’Abio che, con uno sguardo di complicità e comprensione, offrono al tuo bimbo dei “semplici” pacchetti di figurine. Sono gli Amici cucciolotti!!! Esclama Luca tutto felice…e in un attimo il letto si riempie di colori, di figure di cuccioli di ogni specie ed è festa. E ti accorgi che sono trascorse due ore di assoluta normalità. A volte basta poco per ottenere risultati sorprendenti. Grazie ad Abio e agli Amici Cucciolotti“.

Pizzardi Editore si impegna ogni anno – dice una nota – a investire in progetti sociali concreti mettendo i propri prodotti al servizio della solidarietà e del bene comune, e Amici Cucciolotti “vuole trasmettere e condividere con il proprio pubblico una cultura di scelte solidali verso i più deboli, nella convinzione che queste generino beneficio per tutti e in particolare per le nuove generazioni“.

Rispondi