Prima Pagina>Sociale>Volontariato valdostano: impegno, senza frontiere, nè limiti di tempo
Sociale

Volontariato valdostano: impegno, senza frontiere, nè limiti di tempo

Ormai, è un appuntamento a cui il grande ‘pianeta’ dei volontari della Valle guarda con entusiasmo. La disponibilità di denaro offerto dalla regione contribuisce ad amplificare le opportunità di aiuto, estendendole a fasce sociali dimenticate

AOSTA – Centoventi associazioni dedicate al volontariato. Un ‘mondo’ di cittadini valdostani a cui la Regione Autonoma Valle d’Aosta riconosce, ogni anno, dal 2010, un premio per l’impegno profuso in favore di persone in difficoltà.

 Domani, alle 11, nella sala del Coordinamento Solidarietà Valle d’Aosta,  in via Xavier de Maistre, verrà presentata l’edizione 2018 del Premio Regionale Volontariato, istituito dal Consiglio Valle 8 anni fa.

 “Quest’anno – dice Claudio Latino presidente del CSV – questo premio viene amplificato rispetto al 2017 con i quattromila euro già anticipati da AFIGI, l’Associazione delle Fiamme Gialle onlus. In pratica – precisa Latino – disponiamo di un ulteriore somma da devolvere come premio”.

  Gli organizzatori non impongono alcun tema-guida, riponendo nella creatività dei volontari proposte in cui emerga il senso di solidarietà, generosità, disponibilità.

 Lo scorso anno, i 5 mila euro del Premio sono stati assegnati al progetto ‘Laboratorio del cuore‘ presentato dall’Associazione San Vincenzo De’ Paoli, di Aosta “Era rivolto a donne in grave disagio economico”, ricorda il presidente del CSV.

 Riconoscimento che tiene in debito conto la destinazione dell’utenza (anziani, giovani, bambini); la creatività; l’inclusione dell’intero territorio regionale. Considera, inoltre, l’anzianità dell’Associazione e l’ecletticità delle proposte.

  Le associazioni hanno tempo fino ad agosto prossimo per presentare il ‘volto’ delle loro iniziative solidali. “A settembre – annuncia Claudio Latino – la Commissione presieduta dal presidente della giunta regionale valuterà i bandi e, insieme, si deciderà quale progetto risponde, al meglio, all’obiettivo ‘sostegno al prossimo bisognoso’ “.

 Latino non nasconde l’imbarazzo nello scegliere i vari temi proposti. “Sono sempre tutti meritevoli di gratifiche. E’ chiaro che cerchiamo, ogni anno, di destinare la somma ad associazioni diverse”.

  Valorizzare il ruolo del volontariato nella società, diffondendo la cultura della fratellanza. In particolare, il Premio valuta le attività rivolte al miglioramento della vita, alla promozione ed esaltazione dei diritti delle persone, in campo socio-assistenziale, socio-sanitario e socio-educativo. 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *