Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Non si può scegliere il modo di morire. O il giorno. Si può soltanto decidere come vivere. Ora.John Baez

Al Mart di Rovereto Art Bonus aiuta le persone con necessità speciali

di Elena Bianco
Il Mart destina l’Art Bonus, il credito d'imposta di chi dona al patrimonio culturale italiano, ai progetti per virtuosi in aiuto di chi ha problemi fisici e inaugura il percorso tattile nella collezione permanente
Arte tattile per non vedenti

Trento - Ognuno di noi può diventare mecenate e contribuire a rendere il museo più accessibile ai meno fortunati.

Con l’obiettivo di contribuire al miglioramento della società e delle community del proprio territorio, il Mart Museo d'Arte Moderna di Rovereto è costantemente impegnato nella realizzazione di progetti speciali, destinati a persone con disabilità, malattia o disagio, visitatori per i quali la fruizione va mediata e sostenuta con particolare cura. 
Al Mart le persone cieche possono già partecipare a percorsi tattili che comprendono l’esplorazione di quattro sculture presenti nella mostra permanente dedicata alle Collezioni

Vedere con le mani, il nuovo progetto finanziato con l’Art Bonus, darà a ciechi e ipovedenti l’opportunità di esperire concretamente un’immagine e di conoscere le più importanti opere pittoriche del Mart tramite riproduzioni in rilievo, che verranno inserite nel percorso di visita.
Se luce e colore sono elementi fondamentali in un quadro, forma e contenuto costituiscono vie di conoscenza e di fruizione estetica di cui i ciechi possono appropriarsi sul piano emozionale e cognitivo.
Il primo capolavoro a essere riprodotto sarà Le figlie di Loth, dipinto da Carlo Carrà nel 1919, già scelto come immagine guida delle Collezioni

Chiunque, quindi, può diventare mecenate effettuando una donazione e contribuendo attivamente alla realizzazione del progetto che verrà finanziato con l’Art Bonus.

Il primo obiettivo economico è 15mila euro, necessari a coprire le spese di produzione delle riproduzioni in rilievo.
Le persone fisiche, gli enti e le imprese che sosterranno il progetto del Mart potranno usufruire delle agevolazioni fiscali previste dalla normativa nazionale. Chi effettua erogazioni liberali in denaro a favore della cultura può infatti godere di importanti benefici fiscali sotto forma di credito di imposta, pari al 65% dell’importo donato.