Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! L’infelicità è più pesante della terra, nessuno sa lasciarla.Lao Tsu

Rivoluzione a Miss America, per la prima volta nella storia ai vertici solo donne

di Redazione Spettacoli
Fuori gli uomini, dentro tre ex Miss. Svolta epocale ai vertici dell'organizzazione che assegna il premio di bellezza più importante degli Stati Uniti. Ora ai posti di potere ci sono solo donne
A capo dell'organizzazione che assegna i premi di bellezza ora ci sono solo ex Miss
Dopo l'eliminazione dei precedenti vertici (tutti uomini) ora a capo di Miss America solo donne

I seggi erano vacanti dallo scorso dicembre, quando l’amministratore delegato Sam Haskell, il Presidente Josh Randle e altri vertici dell’organizzazione erano stati costretti alle dimissioni per uno scandalo svelato dall’Huffington Post. Il motivo? Scambio di mail denigratorie nei confronti delle concorrenti, con commenti di tipo sessuale e critiche sul peso e le fattezze delle partecipanti.

E ora a Miss America cambia tutto, poiché per la prima volta nella storia dell’ente che assegna uno dei premi di bellezza più famosi al mondo, ci saranno delle donne nei posti di potere.

Si tratta di tre ex concorrenti: Regina Hopper (Miss Arkansas nel 1983), è stata eletta Presidente e amministratore delegato di Miss America Organization, mentre Marjorie Vincen-Tripp (Miss America nel 1991) è stata scelta per presiedere il consiglio di amministrazione della Miss America Foundation. Alle due donne si unisce anche la vincitrice di Miss America 1989, Gretchen Carlson, già eletta presidente del board dell'organizzazione.

Una novità decisamente storica, che arriva nell’anno del #metoo, della creazione di organizzazione mondiali per la difesa dei diritti delle donne come Time’s Up e Dissenso Comune in Italia, e della storica marcia delle attrici e operatrici del mondo dello spettacolo al Festival di Cannes.

Nel caso della rivoluzione ai vertici di Miss America, si più che mai si può dire che una brutta situazione si è chiusa….in bellezza.