Prima Pagina>Spettacolo>Addio a Bobby Diamond, il ragazzino che domò ‘Furia’  
Spettacolo

Addio a Bobby Diamond, il ragazzino che domò ‘Furia’  

Addio a Bobby Diamond, il ragazzino che domò 'Furia'

(fermo immagine da YouTube)

di Paolo Martini

Addio a un’icona della tv americana in bianco e nero dell’epoca d’oro: l’attore Bobby Diamond, indimenticabile nel ruolo del piccolo orfano Joey Clark Newton in ‘Furia‘, il ragazzino che riesce a domare il cavallo selvaggio nella famosa serie televisiva andata in onda per la prima volta sulla Nbc dal 15 ottobre 1955 fino al 19 marzo 1960.

Diamond è morto in seguito ad un tumore al Los Robles Regional Medical Center di Thousand Oaks, in California, all’età di 75 anni. L’annuncio della scomparsa, che risale al 15 maggio, è stato dato oggi dall’amica e scrittrice Laurie Jacobson a “The Hollywood Reporter”.

Nato il 23 agosto 1943 a Los Angeles, Bobby Diamond, noto anche come Robert Leroy Diamond, è stato un bambino prodigio sugli schermi grandi e piccoli negli anni 1950 e 1960. Esordì all’età di 9 anni nel film “Il più grande spettacolo del mondo” e dopo sei pellicole gli fu affidato il ruolo di Joey Clark Newton in “Furia”, un orfano di 12 anni preso in custodia dopo essere stato erroneamente accusato di aver rotto una finestra. Jim Newton (l’attore Peter Graves) titolare del Broken Weel Ranch, che era presente al momento dell’incidente, scagiona Joey, lo adotta e lo porta a vivere nel suo ranch.

All’inizio della serie lo stallone nero Furia (in totale 116 episodi) viene catturato assieme ad altri cavalli selvaggi da Jim, che tuttavia non riesce a domarlo mentre la cosa, invece, riesce a Joey e Furia non solo gli permette di cavalcarlo ma, all’occorrenza, lo aiuta e lo difende; tra loro si crea una reciproca fiducia e affetto.

Dopo “Furia”, Bobby Diamond apparve in “Buddy”, una situation comedy della Nbc. Ha poi recitato in numerosi episodi di popolari telefilm come “Lassie”, “Io e i miei figli”, “Carovane verso il West”, “Ai confini della realtà”, chiudendo di fatto la sua carriera di attore nel 1969. Tra il 1952 e il 1955 recitò ruoli di bambino in numerosi film, tra i quali “All’inferno e ritorno”, “La scarpetta di vetro”, “Carovana verso il sud”, “L’americano”, “Il circo a tre piste”, “Eroe a metà”, “Gli uomini preferiscono le bionde”, “La signora vuole il visone”, “La frusta d’argento”, “Avvocato di me stesso”.

Leggenda vuole che Bobby Diamond fosse in lizza per interpretare Robin nella serie tv “Batman” prima che i produttori decidessero che a 21 anni era troppo vecchio, affidando invece la parte a Burt Ward.

Appassionato di diritto e leggi, Diamond ha conseguito il “Bachelor of Arts” presso la California State University di Northridge e ha conseguito la laurea in legge presso l’Università di West Los Angeles e trentenne ha iniziato ha praticare l’avvocatura presso il tribunale di Los Angeles. Tra i suoi clienti gli attori Paul Petersen e Kelsey Grammer. Bobby Diamond ha avuto due figli, Robert e Jesse, nati dal suo primo matrimonio con Tara Parker.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.

Rispondi