Prima Pagina>Spettacolo>Adriana Volpe contro Magalli: “Da anni cerchi di zittirmi” 
Spettacolo

Adriana Volpe contro Magalli: “Da anni cerchi di zittirmi” 

Pubblicato il: 08/07/2020 11:08

Adriana Volpe contro Giancalo Magalli, nuova puntata. La conduttrice, al timone di Ogni Mattina su Tv8, su Instagram pubblica un post di fuoco. Nel mirino, un messaggio che Magalli avrebbe pubblicato -e poi cancellato- dal proprio profilo Facebook per ironizzare sugli ascolti di Ogni Mattina. “Caro Giancarlo questo gesto di stare zitta non me lo fai! Hai provato per tanti anni a farmi stare zitta, ma non ci sei mai riuscito e non ci riuscirai neanche questa volta. Sai quando sono stata in silenzio ? Quando una trasmissione come i Fatti Vostri, condotta anche da me e da Marcello, dal 9-10 % è passata, con la tua conduzione in solitaria, al 5-6% di share. Da 3 anni in costante caduta libera. Sono stata in silenzio senza paragonare una rete storica come Raidue, abituata a ben altri numeri rispetto ad una rete giovane come Tv8”, scrive Volpe.

“Mi offende questo gesto”, aggiunge riproponendo l’emotico che invita a fare silenzio. “E zitta non rimango soprattutto oggi che rappresento una squadra di persone che sta lavorando e difendo una rete che si sta costruendo un futuro e va rispettata. I giovani vanno incoraggiati . Peccato che tu i giovani li temi. Tu caro Giancarlo con questo gesto – sempre a voler zittire- non hai rispetto del prossimo e soprattutto delle donne E questo non te lo consento”, scrive ancora.

Tra i commenti spicca quello di Marcello Cirillo, per anni colonna della trasmissione di Raidue. “Siamo stati in silenzio cara Adriana per rispetto, anche se non meritato, di un collega in difficoltà e di una rete a noi cara, siamo stai in silenzio anche quando ci sarebbe stato molto da dire di un uomo ‘finalmente solo al comando’ dopo l’inspiegabile allontanamento di demo morselli prima momentaneo e poi definitivo, e con lo share che crollava e riprendendosi solo un po’ con il salva ascolti Paolo Fox”, scrive il musicista.

 

 

 

 

Adnkronos.

 

Rispondi