Alba Parietti: Giulietta Masina mi ha mortificato

(Fotogramma)

Alba Parietti mortificata da Giulietta Masina. E’ la stessa Parietti, con un lungo post su Instagram dedicato a Federico Fellini, a ricordare l’episodio. “100 anni avrebbe Fellini. Ecco una dei privilegi assoluti della mia carriera è stato conoscere Lui: Federico Fellini. Mi convocò a Cinecittà, per un film nel quale mi voleva (che per mancanza di fondi non si fece mai) ma diventammo amici, grazie soprattutto a Fiammetta Profili che fece tra tramite, lavorava da sempre con lui e Giulietta e con me quando conducevo Domenica in su Rai 1”, ricorda.

“Io facevo appunto Domenica In, spesso lo citavo e ogni volta mi chiamava per ringraziare, al telefono( all’inizio pensavo a uno scherzo perché aveva una simpatica voce nasale), mi scriveva dolcissime lettere di ringraziamento ogni volta. Ci vedemmo diverse volte, pranzavamo insieme ad altre persone tutte diverse tutte interessanti. Una di queste era Susanna Tamaro”, prosegue.

“La primissima volta che lo conobbi ero protagonista a teatro all’Eliseo con Paolo Panelli, lui venne a salutare in camerino con Giulietta Masina e mi disse ‘bellissima e brava’ …. lei mi guardò e disse ‘bellissima sì, brava beh insomma’… Ci rimasi malissimo. Chissà perché lei sentì così necessaria la necessità di mortificarmi ? Ero giovane alla mia prima esperienza importante… Chissà … certo non ero brava ma a me spiace chi vuole offenderti per il gusto di farlo. Ti spiace perché capisci che c’è un disagio da sfogare. Lui invece mi diede un magnifico soprannome al quale sono molto affezionata, ‘faccia da mascalzona’. Passare qualche ora con lui era un premio”, scrive ancora.

“Intelligentissimo, curioso, dicono bugiardo, ma chi se ne frega, divertentissimo, umile e goduriodo. Che meraviglia di persona e che regista irripetibile e maestro, genio inimmaginifico. Amarcord…”, conclude.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.

Rispondi