Prima Pagina>Spettacolo>Brizzi: “Mai stato a letto con donne non consenzienti”  
Spettacolo

Brizzi: “Mai stato a letto con donne non consenzienti”  

SPETTACOLO<!– SPETTACOLO –>


Brizzi: Mai stato a letto con donne non consenzienti

Immagine di repertorio (Fotogramma)

“Non sono un santo, ma neanche un orco o Barbablù. Non voglio certo sembrare un martire, magari sono stato superficiale e imprudente, ma non sono mai stato a letto con una donna che non fosse ampiamente consenziente”. Fausto Brizzi si racconta in una lunga intervista a ‘Vanity Fair’ dopo l’archiviazione da parte della Procura di Roma delle denunce a suo carico per molestie sessuali. Il regista, in procinto di uscire nelle sale con il nuovo film ‘Modalità aereo’, dice che “la persona che più mi ha aiutato in assoluto” è stata Claudia Zanella, sua moglie e madre di sua figlia: “La prima a non credere a nulla, a scrivere una lettera per dire che gli eventuali tradimenti erano una questione che riguardava soltanto noi due”.

“); } else { document.write(“”); }

Brizzi sottolinea di essere stato sempre disponibile a collaborare con la giustizia dopo le accuse: “I processi non si fanno nei talk show, ma in tribunale. Quando è uscito il mio nome ho detto al mio avvocato di far sapere che ero disponibile a essere ascoltato in qualsiasi momento. Quando sono stato interrogato, ho messo a disposizione il mio telefono e ho consentito l’accesso ai miei dati, alle mie mail e alla mia sfera privata in assoluta trasparenza e buona fede”. E lamenta di essere “diventato il capro espiatorio di un intero ambiente”.








“La molestia – aggiunge il regista – è una cosa seria in molti ambiti di lavoro, compreso ovviamente il mio, ma è un argomento che andrebbe trattato nei tribunali seguendo le leggi dello Stato e non quelle degli indici d’ascolto o dell’opinione pubblica”. Brizzi nega di avere “mai fatto un provino o un casting che non fosse nella sede della produzione. Tra l’altro, chi mi ha denunciato in Procura non parla affatto di provini. Se un regista incontra una ragazza a casa sua, la questione attiene alla sfera privata. Si chiama vita”. E conclude: “Non è una molestia tentare di sedurre o approcciare una persona, lasciandole la possibilità di accettare o dire no all’avance”.

“); } else { document.write(“”); }

Rispondi