Prima Pagina>Spettacolo>Giulia De Lellis: “Damante mi rivede l’anno del mai”
Spettacolo

Giulia De Lellis: “Damante mi rivede l’anno del mai”

L’ex tronista e ex inquilina del Grande Fratello Vip ha postato su Instagram un messaggio molto duro con cui nega qualsiasi possibilità di “reunion” con il suo ormai ex fidanzato Damante. Perchè le sue “bimbe” si mettano l’anima in pace

In tante facevano il tifo per il loro amore. Giulia De Lellis e Andrea Damante erano una bellissima coppia, seguita da migliaia di followers. Giovani, intraprendenti e “glam”, parevano avere il mondo in mano. Li chiamavano i “Damellis”, un nomignolo alla “Brangelina” per suggellare la loro fama e il loro successo. Fino alla rottura, inaspettata quanto “caustica”.

Non ci sono conferme, ma pare che  tutto sia dovuto a presunti “tradimenti” di lui, avvenuti durante le varie ospitate e serate in discoteca e “coperti” dal personale del suo staff. Qualcosa di vero ci deve essere perchè Giulia, subito dopo la rottura, ha mostrato un rancore non comune nei confronti dell’ex.

Per fugare le voci di una possibile futura riconciliazione, come speravano le sue followers, o le “bimbe” come le chiama lei, ha pubblicato un duro sfogo su Instagram: “In questa situazione nessuno parla perchè non conviene, elementare no? Se invece lo facessi io potrei disintegrare volti … Damante mi rivede l’anno del mai, forse … ma questo lo sa bene. Ora lo sapete anche voi così qualche anima bella se ne farà una ragione, come presto ho dovuto fare anch’io“.

Messaggio di Instagram

Escluso quindi qualsiasi contatto futuro tra i due ex: la giovane se n’è anche andata via dalla casa che divideva con Damante anche se quella che ha appena affittato, sempre a Verona, è vicina alla sua. Si tiene occupata con il lavoro, con i social e con la famiglia: ha passato tanto tempo con la sorella Veronica, la nipotina Matilde e la mamma, con cui ha appena creato una nuova linea di abbigliamento chiamata “Sol”, influenzata dal gusto classico e stiloso di mammà e dalla sua personale modernità. Ogni capo è “handmade”: viene infatti realizzato da un gruppo di sarte professioniste che, in base al fisico di ogni cliente, creano modelli in raso e seta.

Chissà che Giulia De Lellis non abbia trovato la sua strada. In fondo, chiusa una porta si apre un portone.

 

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *