Prima Pagina>Spettacolo>Le pagelle del fu Matia Bazar, prima serata 
Spettacolo

Le pagelle del fu Matia Bazar, prima serata 

SPETTACOLO
Le pagelle del fu Matia Bazar, prima serata

Ecco le pagelle dell’esibizione dei 4 cantanti della sezione Nuove Proposte e dei 12 cantanti della sezione Big in gara nella prima serata del festival di Sanremo 2020, redatte ‘a caldo’ in esclusiva per AdnKronos dall’ex tastierista dei Matia Bazar,

Advertisements
Mauro Sabbione.

Advertisements

NUOVE PROPOSTE

Eugenio in Via Di Gioia: pezzo decisamente interessante, si avvicina al mondo trap senza esserne parte. E preannuncia una scelta di canzoni orientate al mondo della radio, voluta da Amadeus. Il gruppo, dal nome bizzarro, interpreta molto bene la propria canzone, avranno margine di crescita se passano le forche caudine dello spareggio. Voto 6.

Tecla: Canzone pop ai limite del banale, il modo di cantare in levare, non nasconde l’emozione della giovane cantante. Anche il testo non lancia nessuna emozione, e ahimè la parola resilienza fa capolino anche qui. Voto 5.

Fadi: ricorda moltissimo il grande Cat Stevens, ottima presenza e simpatia comunicativa. La canzone è molto orecchiabile ed ovviamente radiofonica. Bella voce, sarebbe interessante ascoltare le altre sue canzoni. Voto 7

Leo Gassmann: il nome induce attenzione. E la presenza ed il DNA (soprattutto quello del nonno) evidentemente fanno la differenza. Voce interessante e potente e canzone costruita ed arrangiata egregiamente. Voto 9.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.

Rispondi