Prima Pagina>Spettacolo>Musica: da Rossini a Briccialdi il Quintetto a Fiati del Cherubini di Firenze  
Spettacolo

Musica: da Rossini a Briccialdi il Quintetto a Fiati del Cherubini di Firenze  

Da Rossini a Briccialdi il Quintetto a Fiati del Cherubini di Firenze

Il Quintetto a Fiati del Conservatorio ‘Luigi Cherubini’ di Firenze sarà il protagonista del prossimo evento di rilievo della stagione autunnale dell’Accademia Fiorentina Pro Arte: il 22 novembre alle 21 presso la Chiesa di S. Maria a Coverciano

Advertisements
il gruppo, formato da strumentisti del calibro di Paolo Zampini (flauto) direttore dello stesso Conservatorio, Simone Bensi (oboe), Fabio Battistelli (clarinetto), Corrado Dabbene (fagotto) e Guido Corti (corno), presenterà un repertorio dedicato a questa formazione con musiche di Rossini, Cambini e Briccialdi.

Advertisements

La rassegna di concerti, iniziata il 7 dicembre 2018, ha oramai al suo attivo numerosi appuntamenti e ha una sua identità nel panorama musicale della città, ospitando artisti di rilievo. Dopo la pausa estiva, l’attività è ripresa da settembre con i concerti del duo violino e arpa, Renata Sfriso e Lisetta Rossi, e del duo violoncello e pianoforte formato da George Georgescu, già primo violoncello del Maggio Musicale Fiorentino, e Dalida Jacono.

La stagione 2018-19, svoltasi sotto il patrocinio della Città Metropolitana di Firenze, si concluderà con un concerto dedicato ai Volkslieder di Beethoven, brani desueti che pongono in risalto un aspetto meno conosciuto del compositore tedesco; nel gruppo cameristico figurano il tenore Leonardo De Lisi, il pianista Gianni Franceschi, la violinista Miriam Sadun, il violoncellista Lucio Labella Danzi. I concerti dell’Accademia Fiorentina Pro Arte proseguiranno nel 2020 con una nuova stagione, attualmente in fase di programmazione. Uno degli obiettivi di questa serie di concerti è contribuire al recupero del Tabernacolo cinquecentesco di via dell’Arcolaio, nelle vicinanze della chiesa sede della stagione concertistica: da qui il suo nome ‘Arte chiama Arte’, a sottolineare la riuscita interazione tra due aspetti del nostro patrimonio artistico e culturale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.

Rispondi