Prima Pagina>Spettacolo>New York, la “Miranda” di “Sex and the City” si candida a Governatore
Spettacolo

New York, la “Miranda” di “Sex and the City” si candida a Governatore

I fan della fortunata serie della HBO hanno amato il personaggio interpretato da Cynthia Nixon sul piccolo schermo: un avvocato single e anticonformista dai capelli rossi. Oggi l’attrice ha scelto di impegnarsi in politica

Il successo planetario di “Sex and the City” ha fatto di una delle sue quattro protagoniste, Cynthia Nixon, che per il suo ruolo ha vinto anche un Emmy Arward,  un’attrice stimata non solo sul set ma anche per il suo impegno sociale e per le battaglie contro qualsiasi discriminazione.

Via Twitter ha appena annunciato la sua candidatura a Governatore di New York: a settembre il primo “scoglio” da superare sarà quello delle primarie contro Andrew Cuomo, democratico e Governatore in Carica. Così come nel ruolo di Miranda Hobbs nel telefilm della HBO difendeva con rara perizia i clienti nelle vesti di avvocato, nella vita reale ha già detto che il suo compito sarà la difesa dei diritti di tutti, soprattutto dei più deboli.

Del resto il suo ingresso in politica non è stato proprio un fulmine a ciel sereno. Cynthia Nixon è impegnata socialmente da anni: è testimonial della lotta contro il cancro, è una sostenitrice dei diritti degli omosessuali. Lei stessa, dopo quindici anni d’amore con l’insegnante Danny Mozes, con cui ha avuto due figli, si è sposata con Christine Marinoni, esperta in comunicazione che ha lavorato per il sindaco Bill de Blasio. Le due oggi hanno un figlio, il terzo per la Nixon, e combattono insieme per obiettivi come una scuola più valida e sanità per tutti.

Il suo programma è diretto ed efficace: «Vogliamo che il nostro governo lavori sulla sanità, che metta fine alla carcerazione di massa, che aggiusti la nostra metropolitana rotta. Siamo stufi dei politici che si preoccupano più dei titoli e del potere di quanto non facciano con noi».

Riguardo al presidente Donald Trump, ha dichiarato: “Se abbiamo imparato qualcosa durante questo primo anno della presidenza Trump, è che la cavalleria non sta venendo a salvarci. Siamo noi la cavalleria: se vogliamo un cambiamento, dobbiamo uscire da soli e afferrarlo».

Certo, la sua strada è tutta in salita: fino a ora non c’è mai stata una donna Governatore di New York e nemmeno una persona omosessuale. Ma i tempi cambiano; se un imprenditore come Donald Trump è diventato Presidente degli Stati Uniti, anche un’attrice come Cynthia Nixon potrebbe raggiungere il suo traguardo.

In fondo gode di un’ottima popolarità, è una brava comunicatrice, è energica e combattiva. Per di più, cosa che non guasta, è superchic: i suoi outfits sfoggiati durante “Sex and the city” sarebbero tutti perfetti per vestire con glamour i panni di Governatore. E’ quindi un passo avanti agli altri candidati: e chi ben comincia, si sa, è a metà dell’opera.

Rispondi