Prima Pagina>Spettacolo>Otto giorni di folklore in città. ‘Floralies’, la tradizione in musica, canti, balli
Spettacolo

Otto giorni di folklore in città. ‘Floralies’, la tradizione in musica, canti, balli

Da 68 anni la Valle d’Aosta onora la sua tradizione musicale popolare, proponendo a residenti e turisti una rassegna di notevole importanza. L’Assemblée des Choeurs et des Groupes Folkloriques Valdo^tains coinvolgerà il capoluogo regionale

AOSTA – Le piazze principali del centro cittadino vivranno uno dei molti momenti di gloria più attesi da domani al 2 giugno, con la rassegna di canto e folklore ‘Floralies’.

  Le giornate di musica, canti e balli – dice l’assessore Emily Rini, promotrice dell’evento – sono il frutto di un duplice impegno. Da un lato quello dell’amministrazione regionale che con il sostegno e la promozione di questa tradizione canora ha assicurato alla Valle d’Aosta il piacere di essere la regione con la più alta concentrazione di formazioni in attività. Dall’altro – ricorda – ha ‘regalato’ l’onore di potenziare le tradizioni con un notevole numero di coristi, ballerini e musicisti”.

  Emozione e grande lavoro di elaborazione. Peculiarità sottolineate dall’assessore compiaciuta nel gratificare la “preparazione e l’applicazione costante dei protagonisti” La salvaguardia della tradizione anche attraverso il canto.

  Sabato 2 giugno, festa nazionale della Repubblica, il gran finale di questa imponente e multicolore ‘sfilata’ del canto e musica di un folklore unico e irripetibile: Floralies, Choeurs et Groupes Folkloriques du Val d’Aoste. Esibizioni degli artisti di canto e musica nelle piazze ‘de la ville’: Porta Praetoria, Pierre Léonard Roncas, Narbonne e l’arrivederci in un turbinio di canti e danze nella piazza Chanoux, cuore pulsante della città. In caso di pioggia, i gruppi si esibiranno sotto il porticato del palazzo comunale.

  Il pubblico verrà invitato, nel pomeriggio, ad ammirare i monumenti della città con visite guidate dagli operatori turistici. Un laboratorio tematico intratterrà i bambini, sotto i portici di piazza Chanoux, attirando la loro attenzione sulle tradizioni culturali della nostra regione. Visite, quindi, al Teatro romano, Criptoportico forense, Museo Archeologico Regionale, Chiesa paleocristiana di San Lorenzo.

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *