Prima Pagina>Spettacolo>Rai, parte la rivoluzione Salini  
Spettacolo

Rai, parte la rivoluzione Salini  

Rai, parte la rivoluzione Salini

(Fotogramma)

Semaforo verde al piano industriale 2019-2020. Il Cda dà il via libera alla ‘rivoluzione’ fortemente voluta dall’ad Fabrizio Salini affinché la Rai mettesse avanti l’orologio, recuperando il tempo perduto. Una rivoluzione che Salini ha scritto in sei mesi e che poi ha portato all’attenzione dei consiglieri per poterne migliorare il testo attraverso il confronto con le sensibilità di ciascuno. Un percorso in cui ogni modifica è stata condivisa anche dall’ad. A dare la notizia ufficiale dell’approvazione del piano è una nota di Viale Mazzini.

“Il consiglio di amministrazione Rai – si legge – si è riunito questa mattina in Viale Mazzini, presieduto da Marcello Foa. Il Cda ha esaminato e approvato il Piano industriale 2019-2021 che pone al centro i contenuti e le esigenze degli utenti, colmando il gap digitale accumulato rispetto al settore e venendo incontro agli obblighi del contratto di servizio. L’ad Fabrizio Salini ha illustrato ai consiglieri di amministrazione e al collegio sindacale le principali linee d’azione del Piano, che tiene conto del processo di digitalizzazione dei media, del mutato scenario competitivo e dell’evoluzione delle abitudini di consumo degli utenti, in particolare delle giovani generazioni, alla luce di una moderna interpretazione del ruolo di servizio pubblico”.

Tra gli obiettivi del Piano, “l’elaborazione di contenuti pensati per piattaforme digitali e un’organizzazione e una cultura della Rai focalizzate sul prodotto e sulle aspettative del pubblico. In questa prospettiva si vanno a costituire le direzioni ‘orizzontali’: intrattenimento prime-time, intrattenimento day-time, intrattenimento culturale, fiction, cinema e serie tv, documentari, ragazzi, nuovi formati e digital, approfondimenti. Le direzioni di contenuto definiranno l’offerta nell’ambito del proprio genere, ottimizzando l’impiego di risorse in base all’evoluzione della domanda degli utenti e al fabbisogno delle diverse piattaforme, in ottemperanza alle previsioni del contratto di servizio e alla tutela dell’identità culturale del Paese. Le reti saranno organizzate sotto la Direzione distribuzione, che avrà il compito di indirizzare, coordinare e armonizzare la programmazione complessiva”.

“Come previsto dal Contratto di servizio – si sottolinea – l’offerta sarà ampliata attraverso un canale in lingua inglese, con un palinsesto basato su produzioni originali, contenuti provenienti da archivi Rai, spazi informativi e eccellenze cinematografiche italiane sotto-titolate. Il canale in inglese sarà prodotto e distribuito da Raicom. Il Piano introduce, inoltre, un canale istituzionale, allo scopo di avvicinare cittadini e istituzioni, promuovendo la conoscenza delle stesse tramite un palinsesto dedicato. All’interno della strategia multipiattaforma, sarà potenziato e valorizzato il ruolo della radio e la relativa offerta, attraverso un’attenta definizione dei target per una fruizione autenticamente multimediale”.

“Per quanto concerne l’informazione, il Piano prevede di mantenere i brand di punta dell’informazione Rai e di potenziare il Polo all news con la creazione di una testata multipiattaforma che integri Rainews, rainews.it, Tgr e Televideo. Il Piano è improntato alla promozione e al rafforzamento del pluralismo e della coesione sociale. Il Piano – è la conclusione – è stato approvato con cinque voti favorevoli e due contrari”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *