Prima Pagina>Spettacolo>Sanremo, Gabbani: “Censura su cantanti? Espressione artistica deve essere libera” 
Spettacolo

Sanremo, Gabbani: “Censura su cantanti? Espressione artistica deve essere libera” 

 

di Ilaria Floris

Advertisements

Escludere qualcuno dalla gara? La considero una cosa assolutamente non giusta. Senza prendere le parti di nessuno, ma io penso che l’espressione artistica debba essere libera per concetto”. A dirlo all’Adnkronos è Francesco Gabbani, che commenta così le polemiche sulla -da più parti invocata- esclusione di Junior Cally dalla kermesse sanremese a causa dei suoi trascorsi canori, in cui compaiono testi violenti e sessisti. “Non sono d’accordo -prosegue Gabbani- soprattutto quando come in questo caso si tratta dell’analisi di cose retrostanti e non la canzone in gara”.

“Da una parte -prosegue il cantante toscano, che sarà in gara quest’anno a Sanremo per la terza volta con il brano ‘Viceversa’- ci deve essere la libertà dell’artista, perché dall’altra è corrisposta dalla libertà dell’ascoltatore. Insomma, ‘viceversa'”, dice Gabbani citando scherzosamente il suo brano.

Non vado a Sanremo per vincere, mi sono già tolta la soddisfazione di essere vincitore di Sanremo, e in quel momento -nel 2017- avevo tanta voglia di dimostrare chi ero. Stavolta sono in pace con me stesso. Poi è ovvio che se c’è una buona risposta, benvenga”, spiega Gabbani rivelando le emozioni con le quali si prepara a tornare sul palco del festival di Sanremo, che lo ha già consacrato vincitore per ben due volte: nel 2016 con ‘Amen’, fra le nuove proposte, e nel 2017 con ‘Occidentali’s Karma’, che lo ha visto trionfare fra i big.

Spero di emozionarmi -ammette il cantautore toscano– è questa la chiave di lettura con cui vado”. Il brano che Gabbani porta in gara si intitola ‘Viceversa’, ed è “una canzone che rappresenta in modo sincero un modo di fare musica e di scrivere che il pubblico di Sanremo forse non ha ancora sentito di me”, dice l’artista. Che parla di una canzone “autentica perché parte da un’analisi di me stesso posto in un confronto con la collettività”.

Tema portante del brano, e di tutto l’omonimo album, è proprio “il rapporto tra individuo e collettività -sottolinea Gabbani- e si propone di analizzare il fatto che alla base di qualsiasi tipo di rapporto definito come d’amore ci sia la condivisione. Un rispetto delle parti, un ‘viceversa’, appunto”. Le sonorità del pezzo, aggiunge il cantante, sono diverse da quelle cui i fan sono abituati. “Sono curioso della reazione del pubblico –conclude Francesco- Mi presenterò in modo molto semplice”.

 

 

 

 

Adnkronos.

 

Rispondi