Prima Pagina>Spettacolo>Sharon Tate, 50 anni dall’omicidio della setta ‘Manson’ 
Spettacolo

Sharon Tate, 50 anni dall’omicidio della setta ‘Manson’ 

Pubblicato il: 09/08/2019 16:44

di Gloria Frezza
La notte del 9 agosto 1969 fu un momento indelebile nella memoria collettiva statunitense. Cinquant’anni fa nella villa di Cielo Drive, appartenente al regista Roman Polanski, si consumò il terribile omicidio di Sharon Tate, sua moglie, incinta di 8 mesi. I responsabili furono ben presto individuati nella ‘Charles Manson’s Family‘, membri della setta guidata da uno dei killer più sanguinari della storia americana.

Sharon Tate aveva 26 anni, le mancavano due settimane al parto. Era un’attrice in ascesa, star di ‘La valle delle bambole’ e ‘Barabba’, ma nei suoi confronti gli assassini non mostrarono alcuna pietà. Quella notte Polanski si trovava a Londra e Sharon aveva chiesto a sua sorella di venire a trovarla per la notte, ma lei non aveva accettato e allora si era rivolta a degli amici.

Quando la cameriera entrò in casa la mattina dopo, trovò stesi sul pavimento in un lago di sangue anche Jay Sebring, parrucchiere della donna, Wojciech Frykowski, regista polacco, e la sua fidanzata Abigail Folger. Poco fuori dalla casa venne ritrovato anche il corpo di Steve Parent, 18 anni, freddato da un colpo di pistola per la sola colpa di essere passato vicino alla casa mentre gli assassini ne uscivano.

La Tate era stata pugnalata 16 volte e lasciata riversa vicino al divano. Con uno straccio intriso di sangue una dei killer, Susan Atkins, scrisse parole ingiuriose alle pareti. Nei successivi omicidi di cui si macchiarono compariva sempre la scritta “Helter Skelter”, una parola che in inglese significa ‘confusione’, e che secondo Manson corrispondeva a una segreta profezia.

Charles Manson, deceduto il 20 novembre 2017 in carcere, era convinto di essere il portatore di un ‘ordine nuovo’, profeta e signore, e desiderava in tutti modi diventare una star. Ordinava gli omicidi ai suoi seguaci senza seguire una logica precisa e, spesso, senza nemmeno conoscere le future vittime. “La Famiglia” eseguiva senza porre domande. Nel caso della Tate, pare che solo casualmente Manson fosse venuto a conoscenza che era lei ad abitare la villa di Los Angeles, che prima era appartenuta a un produttore musicale che gli aveva rifiutato una canzone.

Sharon venne sepolta nell’Holy Cross Cemetery di Culter City, insieme con il suo bambino, Paul Richard Polanski. I responsabili vennero arrestati nel 1971 e condannati al carcere a vita. Cinquant’anni dopo la vicenda torna sugli schermi con due film. “C’era una volta ad Hollywood “, di Quentin Tarantino, in cui è Margot Robbie a impersonare Sharon, che uscirà il 19 settembre in Italia e, il 22 agosto, ‘Charlie Says’, bio-pic diretto da Mary Harron che racconta in forma di documentario la storia del serial killer.

 

 

 

 

Adnkronos.

 

Rispondi